un'opera di Strapper foto di Angela Anzalone

mutoid-interna-nuovaNel luglio 2013 una sentenza del TAR ha ordinato la demolizione e lo sgombero del campo base di Santarcangelo dove la comunità dei Mutoid vive, lavora e crea opere dal 1991.

La protesta contro lo sgombero, partita dalla piccola cittadina romagnola, si è allargata a livello nazionale con lo slogan “Mutoid Must Stay”, i Mutoid devono restare.

Domani 7 settembre e domenica 8 settembre al Parco Fellini di Gambettola, sotto il patrocinio del Comune di Gambettola, l’Associazione Treesessanta di Gambettola e la Vigna Di Porta Santi di Cesena, con il supporto di Sidro Club di Savignano sul Rubicone organizzano Pro Mutoid con l’obiettivo di sostenere la causa della compagnia dei Mutoid (Mutoid Waste Company).

2 palchi, 22 bands, 2 postazioni dj set, 21 djs, 2 vjs, 2 readings, 2 bar, 2 postazioni cibo, installazioni di fuoco e sculture meccaniche, bancarelle, artisti di strada.

Si parte sabato 7 settembre alle 14 con una non stop di musica che vede succedersi 10 gruppi, dj set e l’intervento del poeta Roberto Mercadini. Domenica salgono sul palco altri 10 gruppi, a partire dalle 12 fino alle 24, con il reading di Francesco Satanassi e dj set tra un concerto e l’altro.

Durante le serate sarà presente il banchetto Mutoid dove sarà possibile firmare la petizione contro lo sgombero.

Per chi desidera pernottare sono presenti in zona un ostello (proprio di fronte alla stazione di Gambettola in viale Carducci, 121 – tel 0547653829), campeggi a pochi minuti di macchina (Gatteo e Cesenatico) oppure lo spazio camper di Gambettola.

Info: https://www.facebook.com/ProMutoid?fref=ts

 Per conoscere meglio la storia del campo leggete il nostro incontro ravvicinato a Strapper, memoria storica del gruppo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here