garantito da noi musica evan lurie foto
Evan Lurie in “piano solo” in una foto degli anni ’80

Il piano di Evan Lurie è la parte lirica dei Lounge Lizards. Lui insieme al fratello John fondarono il gruppo alla fine degli anni ’70 a New York. Band straordinaria e d’avanguardia per la portata creativa e innovativa che ha saputo unire il bebop, a punk rock e new wave. Non poteva essere diversamente. A fianco dei Lurie c’erano mostri sacri come Marc Ribot, Arto Lindsay, Steve Piccolo. Se John è la figura più innovativa, ironica e creativa del gruppo, Evan rappresenta l’anima latina. Il suo piano, seppure suonato in modo sperimentale, è capace di creare atmosfere melodiche che portano direttamente in Argentina e in Italia. Ricordiamo in The magic of Palermo nell’album No Pain for Cakes dei Louge Lizards, una fanfara scritta da lui, nera e sincopata dove il bebop si mescola a suggestioni meridionali. Oppure l’album The River (1990) dove Evan mette in piedi un quintetto da camera con alla chitarra Ribot e al bandoneon un 60enne argentino per eseguire brani ispirati alla tarantella. Pecies of Bandoneon uscito nel 1989, ispirato al tango, è forse l’album più famoso, anche se ormai è introvabile. Lo abbiamo ascoltato e riascoltato in un’audiocassetta registrata, purtroppo rubataci insieme all’Arbre Magique in una vacanza a Napoli. È lo stesso album che ha folgorato sulla via di Damasco Vinicio Capossela e Roberto Benigni. Il primo ha chiesto a Evan di produrre Il Ballo di San Vito, mentre il secondo lo ha scelto come autore della colonna sonora del Piccolo Diavolo, Jonny Stecchino e Il Mostro. Evan Lurie suona a Strade Blu da solo con un pianoforte a coda, all’interno dello stesso festival che anni fa ha visto Marc Ribot esibirsi insieme a Vinicio. E così un piccolo cerchio si chiude. (stefania mazzotti)

6 settembre, Evan Lurie, Strade Blu, Faenza, Museo Carlo Zauli, via della Croce 6, ore 21.30, info 3200 374633, stradeblu.org

CONDIVIDI
Articolo precedenteNel nome del padre
Prossimo articoloPoesia operaia

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here