Sussanna Scarpa, The Looney Plunger, 1300 meters, Super 8 film, 2002

 

Sussanna Scarpa, The Looney Plunger, 1300 meters, Super 8 film, 2002
Sussanna Scarpa, The Looney Plunger, 1300 meters, Super 8 film, 2002

Ho seguito con attenzione Dog Rose curato da Anna Biagetti.

Nel meraviglioso contenitore del Museo dell’Arredo Contemporaneo ideato da Sottsass, ho ammirato il lavoro di Susanna Scarpa che ha rappresentato la vertigine nel precipitare, rendendola tema di un’opera d’arte, con la tecnica a lei più congeniale, quella del video. Possiamo guardarlo anche da questo scorcio: nel mitico volo di Icaro, oltre alla sublime e ardita salita c’è anche la caduta che non è solo fisica ma anche dello spirito, dell’ideale mancato, dell’anima.

Altro bellissimo contenitore: la Pinacoteca di Faenza dove in mezzo alle statiche immagini delle pale d’altare si sono mossi, ruotati, flessi gli arti dei ginnici partecipanti, guidati dal gruppo Barokthegreat, uscendone poi più palestrati e più espressivi.

Questa volta il contenuto: una performance di Barokthegreat: una danza cadenzata da un ritmo tutto di percussioni, in una ambientazione “marziana” nel più totale silenzio cosmico degli spettatori. Questo all’Associazione Culturale Tesco.

Dog Rose un progetto di Anna Biagetti con la collaborazione di Cristina Ventrucci. L’immagine Dog Rose (rosa canina) è tratta da uno studio, d’opera in corso, di Davide Rivalta.  (PADO)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here