tutti-i-vini-estate-web

Con l’arrivo della bella stagione i patiti della socialità liquida si interrogano su quali vini siano i più adatti per i momenti di relax, degli aperitivi e delle cene estive, senza cadere nella banalità e cercando invece spunti innovativi.

In estate l’orientamento generale sposta sempre i bevitori verso il consumo dei vini bianchi, meglio se con le bolle, che con la temperatura di servizio sui 10-11 gradi rinfrescano corpo e spirito. Sono ricomparsi da qualche anno i vini rosé, tipologia mai particolarmente amata dagli addetti ai lavori per la scarsa complessità che li relega nell’ambito della bassa qualità. In realtà oggi abbiamo a disposizione buoni prodotti, molto piacevoli e perfetti per la calura estiva.

E i rossi? Grande cruccio è riuscire a farsi servire un vino che non abbia la temperatura del bisò! E su questo tanti ristoratori e gestori di locali dovrebbero riflettere: la temperatura ambiente di cui parlano i sacri testi dei sommelier si riferisce al clima invernale, che negli interni diciamo dovrebbe essere attorno ai 18, massimo 20 gradi. In estate sfido chiunque a bere un vino anche ottimo a 28 gradi! Mentre un vino rosso, magari un pinot nero (ruffiano, eh?) a 20 gradi, sarà davvero una bomba! Quindi, se vi servono un vino alla stessa temperatura del bollito non temete a chiedere il secchiello con il ghiaccio.

Vi propongo una provocazione, e non pensate che sia un’eresia: i cocktail a base vino. E non parlo dei soliti spritz, ma di vini arricchiti di frutta fresca di stagione, come una sangria preparata ad hoc con prodotti di qualità, o come Kyr nostrani magari preparati con qualche bolla locale. Non saranno da puristi ma possono dare grande piacevolezza, sdrammatizzando e giocando con l’equilibrio e la freschezza in un mondo, come quello dei cocktail, che quasi non mette a catalogo Aibes prodotti a base vino.

E poi, per concludere, non voglio dimenticare i vermut artigianali della tradizione italiana, esplosioni di sapori, spezie e profumi, sempre freddissimi e con ghiaccio, ottimi anche abbinati ai vini per cocktail dal sapore retrò (che se dici vintage fai subito tendenza).

 

CARLO CATANI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here