Abiti disegnati dagli studenti ISIA

Abiti disegnati dagli studenti ISIATorna a Faenza, dal 4 al 12 ottobre, la Settimana del Contemporaneo organizzata nell’ambito della terza edizione di Faenza Contemporanea / Kart 2014 il contenitore del Comune di Faenza che raccoglie  le proposte più qualificate legate al contemporaneo spaziando dal design alle arti visive, organizzata in occasione della decima Giornata del Contemporaneo, indetta a livello nazionale da Amaci.

Gli attori pubblici e privati, che a Faenza si occupano di arti visive contemporanee, uniscono le loro idee in un calendario fitto di proposte di artisti di livello internazionale che quest’anno concentrano la propria attenzione sulla ricerca dell’identità, tra storia, territorio e ambiente.

Due le anteprime di sabato 4 ottobre: “Terra”, progetto fotografico di indagine sul territorio rurale a cura della Fototeca Manfrediana (Galleria della Molinella, dal 4/10 al 12/10, opening il 4/10 ore 18.30) dove ogni fotografo del Collettivo della Foteteca Manfrediana ha esplorato una realtà legata alla terra del nostro terrirtorio. La mostra prosegue fino al 12 ottobre e in ogni serata verrano proposte degustazioni e dibattiti sul mondo dell’alimentazione e tra fototografia e territorio.

Segue in piazza Nenni, alle 21, Meet your design,videomapping e sfilata di moda degli abiti disegnati dagli studenti ISIA Faenza.

Un evento che può essere considerato una piccola summa di ciò che rappresenta il mondo dell’università faentina del design. Una realtà fatta di talento, lavoro, ricerca e, perché no, un pizzico di ironia. Ironia declinata nella sfilata Meet your idol. Gli studenti del corso di fashion design, guidati dalla professoressa Stefania Bertoni, hanno immaginato i vestiti adatti per incontrare i loro idoli. Un brief che ha aperto il vaso di Pandora della fantasia degli studenti. Si va dall’abito giusto per incontrare Alessandro Magno a quello sognato per Hayao Miyazaki (maestro indiscusso dei film di animazione), passando per Arthur Rimbaud e George Harrison. Una collezione di abiti assolutamente originale, creata seguendo i dettami del metodo di lavoro recycled, ovvero la capacità di prendere un vecchio abito e ricrearlo completamente.

Per tutta la durata della Settimana del Contemporaneo sarà possibile vedere “Garden_Project” di Michele Guido al MIC, all’MCZ e alla Cantina di Leone Conti (S. M. delle Spianate). Riprende, con la mostra michele guido _operadelocalizzata garden project _2014 dell’artista pugliese Michele Guido, la stagione 2014 del progetto operadelocalizzata curato da Nero/Alessandro Neretti.

La serie di opere inedite presentate dall’artista e realizzate site-specific per gli spazi faentini sono la perfetta espressione della sua ricerca, incentrata da sempre, su una bilanciata commistione tra natura, pensiero e architettura, in una sintesi non banale che tiene sempre presente l’aspetto storico degli elementi trattati. Nelle mostra si scorgono chiari riferimenti all’opera Maiolica del 1953 (Carlo Zauli) e ad un mausoleo descritto da Francesco Colonna nel suo Hypnerotomachia Poliphili.

Assieme alla mostra personale, anche in questo quarto appuntamento di operadelocalizzata, continua l’approfondimento del territorio romagnolo con una novità, la collaborazione con Alessandro Miroballo, cuciniere errante con base a Faenza che allieterà con i suoi piatti Michele Guido.

 

4-12 ottobre, Settimana del Contemporaneo, Faenza (RA), Mic viale Baccarini 19, MCZ via della Croce 6, Tesco vicolo delle Vergini 13, Galleria della Molinella voltone della Molinella 2, info: 0546 691602, 0546 697352, http://kartfaenza.wordpress.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here