fotogramma tratto da "24 horas con Lucia"
fotogramma tratto da "24 horas con Lucia"
fotogramma tratto da “24 horas con Lucia”

Orrore deriva etimologicamente dal termine horsere, essere irto, cioè avere i peli o i capelli dritti dalla paura. Un bello spavento resta sempre una delle emozioni più intense, sia davanti ad un pericolo reale che ad uno schermo.

Perché guardiamo film del terrore? Perché quella botta di adrenalina ci piace. La visione di uno spavento modifica il nostro metabolismo tant’è che alla University of Westminster hanno monitorato le pulsazioni degli spettatori calcolando anche le calorie consumate mentre si assiste a pellicole del genere: vedendo Shining si smaltiscono 184 calorie, con L’esorcista se ne bruciano 158. La buona notizia è che si può dimagrire al cinema, e se non vi abbuffate di coccodrillini e pop corn potete usare il Ravenna Nightmare Film Festival come settimana di dieta.

Dal 25 ottobre al 1 novembre, come succede ormai da dodici ottime edizioni, potete passare il periodo dell’anno che vi avvicina ad Halloween come si deve, a base di spaventi e palpitazioni. Il Festival è il maggiore appuntamento in Italia e un consolidato riferimento internazionale per amanti, produttori e fruitori del genere Horror e Fantasy: L’anello d’Oro, che premia la pellicola scelta dalla giuria, individua sempre i cineasti che hanno più coraggio nel raccontare la paura. Basta ricordare che tra i vincitori passati c’è anche l’assai tosto The Human Centipede.

Evento principale di questa 12ª edizione sarà il Concorso Internazionale per lungometraggi che presenterà il meglio della recentemente produzione cinematografica mondiale di genere.

Dodici sono i film in gara per i premi del Nightmare: Anello d’Oro Miglior Film, Anello Premio Speciale della Giuria, Anello Miglior Regia. Il pubblico contribuirà con la votazione in sala del premio Anello Audience Award.

Da Israele, il thriller di Aharon Keshales, Navot Papushado, Big Bad Wolves, definito da Quentin Tarantino come suo “personale film dell’anno”; dal Regno Unito due film splatter, Blood Moon di Jeremy Wooding e The Redwood Massacre dello scozzese David Ryan Keith; stile splatter anche per la commedia horror Bloody Knuckles di Matt O’Mahoney; The Dead 2: India, atteso sequel dello zombie movie dei fratelli Ford, The Dead (2010), ci porta in India, allo scoppio di una nuova invasione di morti che camminano; dalla Spagna il talento visionario di Sergio Caballero, direttore artistico del festival barcellonese Sónar, con La distancia; da Ravenna (Ontario, Canada) Ejecta, un oscuro sci-fi firmato Chad Archibald e Matt Wiele; Pierrot Lunaire del genio queercore Bruce Labruce si ispira all’omonima opera musicale di Schöneberg; A Girl Walks Home Alone At Night, esordio alla regia di Ana Lily Amirpour, è il primo western iraniano con vampiressa; Julia, dell’americano Matthew A. Brown, è un revenge thriller incentrato sul personaggio di Julia Shames, che dopo aver subito un brutale trauma, cade preda di una forma poco ortodossa di autoterapia; direttamente dall’ultimo Tribeca Film Fest, Summer of Blood, di Onor Tukel, ovvero come un morso di vampiro ti cambia la vita; infine una storia di fantasmi per Jamie Marks is Dead di Carter Smith, con Liv Tyler, la bella Arwn Undòmiel della saga cinematografica del Signore degli Anelli.

La competizione quest’anno sarà affiancata da un gradito ritorno: il Concorso Internazionale per Cortometraggi, una selezione di 7 lavori provenienti da tutta Europa, in gara per il Premio Anello Miglior Cortometraggio.

Il Festival inoltre celebra sia i venti anni di The Kingdom, serie televisiva del 1994 diretta da Lars von Trier, che i cinquant’anni de La famiglia Addams, fortunato telefilm comico nato dalle vignette macabre e fortemente antiborghesi disegnate negli anni ’30 da Charles Addams. Non mancheranno anche quest’anno la Nightmare Lecture con Valerio Evangelisti che parlerà dei collegamenti tra horror e maoismo, e la sonorizzazione di un grande classico. Toccherà a gli OvO ad inaugurare il festival il 23 ottobre e a musicare dal vivo Frankenstein del 1931, quello con Bela Lugosi per capirci. Per conoscere orari e luoghi del Festival e i titoli dei veri film de paura vi consigliamo, nelle prossime settimane di consultare il sito sotto indicato con trepidazione e apprensione.

Così tenete il muscolo cardiaco in allenamento per la maratona da batticuore che vi aspetta.

ROBERTO POZZI

 

dal 25 ottobre al 1 novembre, Ravenna, RAVENNA NIGHTMARE FILM FESTIVAL,

Palazzo del Cinema e dei Congressi, Largo Firenze 1, ore 21, info: ravennanightmare.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.