Lenz Rifrazioni + Robin Rimbaud aka Scanner - Verdi Re Lear - © Francesco Pititto
Lenz Rifrazioni + Robin Rimbaud aka Scanner - Verdi Re Lear - © Francesco Pititto
Lenz Rifrazioni + Robin Rimbaud aka Scanner – Verdi Re Lear – © Francesco Pititto

«Un desiderio è costruire. Tutti passiamo il nostro tempo a costruire. Per me quando qualcuno dice “desidero la tal cosa” significa che sta costruendo un concatenamento. Il desiderio non è nient’altro»: una pars construens analoga a quella espressa da Gilles Deleuze muove, per il diciannovesimo anno, Maria Federica Maestri e Francesco Pititto nella complessa direzione (artistica) di Natura Dèi Teatri.

Dal 5 al 14 dicembre, lo storico Performing Arts Festival proporrà a Parma «dieci declinazioni scenico-performative dell’identità duplice, stratificata, multipla del linguaggio»: creazioni internazionali ispirate a I due piani, tema concettuale che, dopo Ovulo nel 2012 e Glorioso l’anno seguente, conclude il progetto triennale alimentato dalle suggestioni del celebre filosofo francese.

L’edizione 2014 di Natura Dèi Teatri si aprirà con la prima assoluta di Verdi Re Lear – L’Opera che non c’è_Premessa, dal Re Lear “mancato” di Giuseppe Verdi: di esso esiste solo il libretto, scritto da Antonio Somma con le correzioni del compositore stesso. La nuova proposta di Lenz Rifrazioni è «un simulacro d’opera d’arte performativa e musicale che trae dal Lear di Shakespeare e dal Lear di Verdi gli elementi fondamentali alla sua manifestazione», combinando due presenze all’apparenza decisamente dissimili: il compositore elettronico inglese Robin Rimbaud aka Scanner e il Conservatorio Arrigo Boito di Parma: un audace accostamento nato dalla volontà di sperimentare nuove forme di intreccio creativo tra melodramma, nuova composizione, scenografia reale e virtuale, stile di recitazione e di canto, musica unplugged ed elettronica.

Lenz Rifrazioni + Robin Rimbaud aka Scanner - Verdi Re Lear - © Francesco Pititto
Lenz Rifrazioni + Robin Rimbaud aka Scanner – Verdi Re Lear – © Francesco Pititto

Maria Federica Maestri, che in questa Premessa cura installazione e costumi, racconta: «Il Re Lear di Verdi incarna perfettamente l’idea deleuziana di desiderio: il libretto c’è, ma la musica è assente e sul Lear verdiano incombe il fantasma di Shakespeare e della sua opera grandiosa. La dimensione straordinaria di questo lavoro, che presentiamo al Festival in forma di studio, risiede nel tentativo di ricostruire l’opera a partire da fondamenta immateriali, invisibili, di un desiderio di cui rimangono però frammenti concreti in diverse composizioni di Giuseppe Verdi. Restituire, con la nuova scrittura musicale di Robin Rimbaud/Scanner, un’identità scenica a qualcosa di impalpabile: “aria sonora”, come definì la musica Ferruccio Busoni. Due attrici in scena in funzione di Fool/Mica e Cordelia/Delia, un attore Lear in video, due baritoni in funzione di doppio Lear in scena, una soprano e una mezzosoprano Nerilla, Rosane/Delia. Il Fool, per tradizione l’unico a poter dire la verità al Re, è interpretato dalla nostra attrice sensibile Barbara Voghera, che avendo incorporato altre figure di Matto, ad esempio Clarín per Vita è Sogno o il Fool per Hamlet arriva, in questo Lear, a una sua compiutezza. Cordelia è interpretata da Valentina Barbarini, già eroina abbandonata nei nostri ultimi lavori che, come in Dido o in Aeneis, attraversa il martirio di un padre che non la comprende e la rifiuta».

Conclude Francesco Pititto, responsabile della drammaturgia visiva e performativa di questo progetto siderale: «Dare forma a un desiderio, dopo averne scandagliato gli impulsi primari e le manifestazioni più nascoste, è percorso affascinante di ogni ricerca linguistica; vestire un fantasma e vederlo muoversi solo attraverso il movimento delle stoffe è già averlo consegnato al mondo reale che, shakespearianamente, è fatto di sogni e di niente».

Lenz Rifrazioni + Robin Rimbaud aka Scanner - Verdi Re Lear - © Francesco Pititto
Lenz Rifrazioni + Robin Rimbaud aka Scanner – Verdi Re Lear – © Francesco Pititto

Verdi Re Lear – L’Opera che non c’è_Premessa sarà a Natura Dèi Teatri venerdì 5 dicembre alle ore 21.00, sabato 6 alle ore 21.00 e domenica 7 alle ore 18.30. In scena insieme a Valentina Barbarini (Cordelia) e Barbara Voghera (Fool), attrici storiche di Lenz Rifrazioni, i cantanti Ekaterina Chekmareva (mezzo soprano), Haruka Takahashi (soprano), Gaetano Vinciguerra (baritono), Lorenzo Bonomi (baritono) guidati dalla docente Donatella Saccardi. Il progetto si è definito con la consulenza musicale del M° Carla Delfrate.

Negli stessi giorni lo studioso Enrico Pitozzi, docente di Forme della scena multimediale presso il Dipartimento delle Arti dell’Università di Bologna, condurrà due stimolanti atti di pensiero: il seminario Magnitudini (venerdì 5 dicembre dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18), preziosa occasione per «indagare i processi in atto sulla scena audiovisiva contemporanea», e Dialogo intorno a Re Lear (domenica 7 dicembre alle ore 16.30), costruito allo scopo di evidenziare questioni e processi creativi dell’utopico progetto di Lenz Rifrazioni. L’ingresso agli incontri con Enrico Pitozzi è libero.

5-14 dicembre, Festival Natura Dèi Teatri – Parma, Lenz Teatro, Via Pasubio 3/e – Info: 0521. 270141, http://lenzrifrazioni.it/natura-dei-teatri/2014-2/

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here