Charlot

 

 

L’occasione è il centenario dell’entrata italiana nella Prima guerra mondiale, e anche il fatto che recenti restauri permettono di presentare, accanto ai classici dell’antimilitarismo, altri titoli rari e ritrovati, film di finzione e documentari che rappresentano o tragicamente pre-vedono gli orrori della guerra.

Si parte con tre capolavori del genere: La grande illusione di Renoir, Orizzonti di gloria di Kubrick e Uomini contro di Rosi.

Si vedranno quattro muti pacifisti degli anni Dieci ‘in presa diretta’ rispetto agli eventi, tutti accompagnati al pianoforte in sala da Daniele Furlati: Addio giovinezza di Augusto Genina (a lungo ritenuto perduto e recentemente ritrovato e restaurato), Giù le armi di Holger-Madsen (sceneggiato da Carl Th. Dreyer dal bestseller di Bertha von Suttner), Maudite soit la guerre di Alfred Machin (melodramma impreziosito dall’uso mozzafiato della colorazione pochoir) e il classico Charlot soldato di Chaplin. Chiuderà la programmazione di domenica Westfront di Pabst.

E tanto, tanto altro, nelle settimane a seguire. State in ascolto.

1-24 maggio – Bologna, Cinema Lumière, Via Via Azzo Gardino 65 – info: 051 219 5311, cinetecadibologna.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here