Monica Bianchi - Lenz Fondazione - © Francesco Pititto
Monica Bianchi – Lenz Fondazione – © Francesco Pititto

 

Importante riconoscimento internazionale per Lenz Fondazione, la sola realtà italiana presente nel cartellone del prestigioso RIFT Festival di Londra, fondato da Felix Mortimer e Joshua Nawras con l’intenzione di creare occasioni per ibridare forme narrative diverse in proposte performative in grado di rendere il pubblico attivamente e criticamente partecipe. A questo scopo, il RIFT Festival ha elaborato un articolato progetto di residenze in cui artisti di diverse nazionalità si incontrano a lavorare assieme per due settimane, al termine delle quali presentare il frutto del comune percorso di ricerca. È questo il contesto che ospiterà Monica Bianchi, performer e danzatrice che dal 1988 a oggi ha lavorato in numerosi progetti dell’ensemble di Parma: Prima del ballo, Aglaja, L’era dei querci, Non sono così le aquile, Satie e, recentemente, L’Isola dei Cani, I Promessi Sposi e Bruno Longhi.

Questo ultimo spettacolo, opera con testo originale di Francesco Pititto dedicata a una delle figure più rappresentative della Resistenza antifascista a Parma, è stato riallestito a distanza di quasi un quarto di secolo (rispetto alla prima versione del 1991) e presentato in occasione del Settantesimo anniversario della Liberazione. In scena, Valentina Barbarini e la stessa Monica Bianchi: «Dal fitto racconto delle sorelle» suggerisce Maria Federica Maestri, che ne ha curato l’installazione «si ricavano molteplici quadri di vita di Bruno Longhi, della sua personalità “europea”, dall’interesse alla letteratura, alla musica, al cinema, allo studio delle lingue, compreso il tedesco, “lingua del nemico”».

La vicenda di Bruno Longhi è il materiale scenico utilizzato da Monica Bianchi come punto di partenza per l’intreccio con le artiste tedesche Lilian Robl e Annabell Lachner. L’esito performativo di questo incontro sarà presentato giovedì 4 giugno alle ore 19.30 nei monumentali spazi del  quartier generale del RIFT Festival a Tottenham Hale, vivace quartiere di Londra, divenuto negli ultimi anni un vero e proprio hub artistico e culturale internazionale.

Monica Bianchi - Lenz Fondazione - © Francesco Pititto
Monica Bianchi – Lenz Fondazione – © Francesco Pititto

 

La presenza al prestigioso appuntamento londinese rappresenta, inoltre, una feconda occasione per Lenz per stringere nuovi rapporti internazionali, anche in vista delle celebrazioni, il prossimo anno, per i quattrocento anni dalla morte di William Shakespeare. Lenz ha lavorato in più occasioni sul celeberrimo drammaturgo e poeta inglese: si ricordi almeno, tra i molti esiti spettacolari, il suggestivo e prismatico Hamlet Solo interpretato dall’attrice sensibile Barbara Voghera.

Info: www.lenzfondazione.it, http://www.r-ft.co.uk/

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here