primus 3

Che simpatiche istituzioni furono le case discografiche (c’erano una volta…), le quali pur di vendere qualche misera copia in più approntavano comunicati stampa assolutamente fuori luogo puntualmente copia-incollati dai media (e in Italia ve ne sono decine di esempi di pennivendoli che hanno fatto così). Prendiamo i Primus, inossidabili sia nei dischi come prova l’ottima ritorno dello scorso anno, Primus & The Chocolate Factory ispirato niente meno che alla leggendaria colonna sonora firmata da Leslie Bricusse e Anthony Newley per Willy Wonka & The Chocolate Factory, film del 1971 con protagonista un indimenticabile Gene Wilder, sia nei concerti come ribadito alla grande anche in questa loro unica apparizione nostrana dell’estate – dicevamo, prendiamo i Primus che furono presentati come un gruppo grunge tipo Pearl Jam o Soundgarden, quando con quella musica hanno pressoché nulla a che fare e, anzi, francamente ne sono l’antitesi, sia per qualità tecniche di ben altro spessore sia per contenuti della loro opera, sarcastica e dissacrante in diretta discendenza delle Mothers Of Invention. Insomma, opinioni campate per aria che giocoforza passate attraverso i media contemporanei, su tutto campioni di approssimazione, diventano dei veri “mostri” i quali etichettano le cose in modo affrettato e spesso irreversibile. Evitare di prendersela, comunque – al massimo farsi due risate sulla limitatezza del tutto.

primus 4

Le finezze e le citazioni a un happening dei gruppo di Les Claypool non si contano – oltre ai numi tutelari delle Madri dell’Invenzione, i Primus sanno giocare con un po’ di tutto fra Pink Floyd e Tom Waits – quest’ultimo ricordiamo amico, ammiratore e pluri-collaboratore della band di Frisco – King Crimson e Captain Beefheart, Grateful Dead e Led Zeppelin – chissà quanti avranno riconosciuto la fuga strumentale sul tema di Dazed And Confused – Minutemen/fIREHOSE e bluegrass, metal e i migliori Red Hot Chili Peppers – sì, sono esistiti dei RHCP migliori! – senza confini, insomma. Il punto è che i Primus non sono una band sovrastrutturata, non mettono insieme messe cantate (se vi vengono in mente Eddie Vedder e soci, avete capito bene) ma accompagnano in un giro in giostra assolutamente mozzafiato dove l’imprevisto regna sovrano – danno di gas quando vogliono, frenano e ripartono come schegge a loro piacimento – insomma, hanno padronanza assoluta della fuoriserie che conducono, tanto più che questa classica line-up con accanto allo straordinario basso di Claypool la chitarra a fiamma ossidrica di Larry Lalonde e i tamburi sempre in poliritmia di Tim “Herb” Alexander resta la migliore fra le diverse proposte – e quando tocca presentare tutto Primus & The Chocolate Factory con la formazione potenziata a cinque tutto rende alla perfezione la sofisticatissima allegoria lisergica che sta dietro alla pellicola e relativo score. Alla fine, se vogliamo parlare di esplosioni improvvise quali My Name Is Mud o di percorsi progressivo-psichedelici come Wynona’s Big Brown Beaver, delle montagne russe sonore Lee Van Cleef o del passo marziale di American Life, per finire con la sempre minacciosa Southboud Pachyderm (il loro capolavoro?) – benvenuti, i Primus sono degli accademici che spiegano tutto per filo e per segno “come dove chi quando e perché”.

primus

A margine, bisogna segnalare un’organizzazione molto deficitaria, con lo staff che ancora quasi alle 21,30 stava facendo entrare uno alla volta gran parte del pubblico – chiaro che se si aprono i cancelli alle 20,45 non si può non pretendere un intasamento di 2/3000 persone all’entrata. E sempre in tema di deficit organizzativi, anche la qualità dell’impianto audio con suoni molto bassi rispetto alla norma ha fatto soffrire i numerosi accorsi a quello che, in ogni caso, è stato uno splendido concerto. La solita, vecchia storia: da molti promoter italiani, specie quelli più ricchi e famosi, oramai non è più possibile attendersi altro che reiterato pressappochismo.

 CICO CASARTELLI

Visti il 13 giugno al Carroponte di Milano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.