10575204_870391089671323_396222470898004375_o
Applausi finali ai protagonisti del 1° Pesaro Deaf festival

Chi ha orecchie per intendere intenda: gli artisti che si esibiscono stasera non sono qui perché viene offerta una possibilità d’espressione o d’emancipazione a persone non udenti. Sarebbe una nobile causa, intendiamoci. Ma ci troveremmo fuori strada fin dall’inizio. I 16 protagonisti che a turno animano la platea gremita del Teatro Sperimentale di Pesaro sono qui stasera da ogni parte d’Italia in quanto artisti a tutto tondo. In alcuni casi degli autentici fuoriclasse, senza se e senza ma.

Fatta la dovuta precisazione eccoci in fila per entrare a teatro in una calda domenica sera di maggio. Non abbiamo prenotato i biglietti e il dubbio che potrebbero esaurirsi prima che tocchi a noi è un primo termometro del successo che avrà lo spettacolo.

Una volta all’interno, approfittiamo insieme ai tanti spettatori del generoso buffet offerto dal festival. Le luci si abbassano, è il momento di prendere posto e riempirsi gli occhi con la prima edizione del Pesaro Deaf Festival, rassegna nazionale di artisti sordi unica nel suo genere.

Apprezziamo immediatamente l’organizzazione precisa e puntuale che mette a disposizione del pubblico la traduzione simultanea in presa diretta sia per udenti che nella lingua dei segni. Il canovaccio della serata presentata da Elisabetta Ferri è fluido e coinvolgente, alternando momenti comici, ad altri drammatici e riflessivi: intensi ed angosciosi i versi declamati da Roberta Sireno, giovane poetessa modenese già pluripubblicata ed altrettanto premiata. Si esibisce nella lettura al microfono per la prima volta e strappa – come succederà in numerose occasioni stasera – applausi a scena aperta, sia in versione acustica clap clap che frullando le mani in aria come invece prescrive il linguaggio dei non udenti.

Proseguiamo in ordine sparso come agile e vario è il susseguirsi delle esibizioni: da pelle d’oca quella del danzatore performer Orlando Izzo che, privo di auricolari, si abbandona ad una coreografia di valore assoluto per intensità emotiva e raffinatezza stilistica.

Entrate ripetute e a gamba tesa sulla serata quelle del mago Andrew (al secolo Andrea Truffa, nomen omen) e del mimo Roberto Esposito che con le loro incursioni scatenano l’ilarità in sala diventando assoluti mattatori. Nulla d’imprevisto per due artisti di valore e curriculum internazionali.

L’ultima citazione la spendiamo volentieri per i ragazzi di Omero Lis Group che, coordinati da Consuelo Agnesi e accompagnanti dalla cantante Claudia Ortolani danno vita ad una versione de Il mio canto libero davvero speciale, fondendo voce e lingua dei segni in un abbraccio che unisce mondo del rumore e mondo del silenzio così ben rappresentati stasera anche tra il pubblico.

Il sipario cala e, soddisfatti come solo una bella serata a teatro può lasciare, risaliamo l’A14 lasciandoci alle spalle la primavera pesarese. L’augurio è di ritrovarla presto per la seconda edizione del Deaf Festival.

 

Domenica 24 maggio, 1° Pesaro Deaf Festival, Pesaro, Teatro Sperimentale. Rassegna organizzata da organizzata da Comune, Amat, associazione Il Campo, con il patrocinio dell’Ens

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.