Jovan-Kolundzija-photo-04

Un brindisi con Bach. È questa la perfetta sintesi della serata offerta a Varignana in cui il violinista serbo Jovan Kolundžija si cimenterà nelle Sonate e Partite per violino solo del Maestro di Eisenach. Dopo il concerto brindisi collettivo.

Jovan Kolundžija è il più grande violinista serbo vivente e uno dei più apprezzati al mondo. Le note del suo Guarneri, violino realizzato a Venezia nel 1754 dal grande maestro liutaio, sono risuonate nel corso di più di quattromila concerti su palcoscenici internazionali del calibro del Carnegie Hall di New York, la Sala Concerti Čajkovskij di Mosca, la Sala Gaveau di Parigi, Santa Cecilia a Roma e molti altri.

Kolundžija proporrà la Sonata I in sol minore e la Partita II in re minore (che contiene la celebre Ciaccona, esempio di polifonia mono-strumentale). Completerà il programma l’esecuzione di un brano – Kaddish – tratto dalla Missa Solemnior scritta nel 2004 dal compositore serbo Aleksandar Simić per commemorare due giubilei importanti nella storia del cristianesimo: i 950 anni dal Grande Scisma del 1054 tra la Chiesa cattolica occidentale e quella ortodossa orientale, e i 40 anni dal ritiro ufficiale degli anatemi che seguirono quella scissione tra Roma e Costantinopoli.

Poco prima del concerto, alle 20.15, visita guidata alla Chiesa di San Lorenzo e alla sua cripta risalente all’ottavo secolo e anch’essa – come la chiesa – costruita in stile pre-romanico, a tre navate.

1 agosto, a partire dalle 20.15 – Varignana (BO), Chiesa di San Lorenzo, Via San Lorenzo 1 – Per partecipare alla visita guidata, prenotazione telefonica obbligatoria – info e prenotazioni: 0542 25747, emiliaromagnafestival.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.