CeramicDog2.1Il Cane di ceramica è aggressivo, e morde indistintamente tutti i generi.

Piglio newyorkese sul filo perenne del rumore e della dissonanza, cuore da jazzisti presi fra le colonne d’Ercole del punk e della melodia latina.

Una certa tensione al blues come colore dell’animo. E la chitarra di Ribot, certo, a legare il tutto. Forse l’ultima chitarra classica e inconfondibile della storia della musica moderna.

Quando Ribot passa di qua, si prova sempre ad intercettarlo. Allergico alla maniera, allergico a un’idea del concerto che non preveda il rischio, e la sfida.

Il senso intimamente newyorkese di una musica esposta a tutti i venti, costruita su palafitte, sopra al mare dei generi, mai in acque calme.

E un bagaglio di suono e di esperienza che include collaborazioni con tutti i grandi visionari della musica moderna.

Da Waits a Lurie, da Robert Plant a Marianne Faithfull a mille altri, sempre portando in dote un tocco e un gusto senza paragoni.

Non sempre un concerto facile e accomodante, quello dei Ceramic Dog, ma sempre un’esperienza imperdibile.

Marc Ribot, Ches Smith, Shahzad Ismaily – trio secco, e molto senso dell’avventura.

 

10 luglio, Santarcangelo, Strade Blu, Ceramic Dog, Piazza delle Monache, ore 21.30, info: +39 347 8932009, stradeblu.org

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.