unnamed

Punto di partenza della mostra è il Compianto sul Cristo morto di Niccolò dell’Arca, custodito all’interno della Chiesa di Santa Maria della Vita a Bologna e noto per la straordinaria forza drammatica che rende atemporale questo complesso scultoreo datato nella seconda metà del millequattrocento.
Attraverso il suo personale vocabolario artistico costituito da geometrie complesse e calibrati cromatismi, David Casini isola alcuni elementi della gestualità del Cristo e delle figure che lo circondano e trasfigura la loro intensa carica emotiva. Lavorando sull’orientamento del gesto e del movimento li rende quasi irriconoscibili; il riferimento al capolavoro di Niccolò dell’Arca non è dunque immediato ma lieve, quasi impalpabile, sorretto dai sottili equilibri delle strutture metalliche, ed espresso da un materiale fragile e difficile come la porcellana che ricalca non la pelle ma un materiale asettico come il lattice.

Geometrie per un canone rovesciato si serve di una metafora musicale per indicare la possibilità di una reinterpretazione contemporanea di una composizione precedente. Guardata nel dettaglio si tratta di un’imitazione rigorosa, nel suo complesso invece di un’invenzione decisamente libera, vincolata semmai a nuovi ritmi, nuove distanze e geometrie.

Un insieme scultoreo apparentemente minimo quello costruito da David Casini che pure si rivela denso di contrappesi come quello dato dalle basi che ancorano a sé la verticalità delle strutture. In alcuni casi queste ultime risultano sospese, così come le stratificazioni delle texture ricalcate su una sorta di “geologia urbana”, che da bidimensionali acquistano volumetria contribuendo a creare un universo leggero e indecifrabile.

26 settembre – 14 novembre, opening sabato 26 settembre ore 18 – Bologna, CAR drde, Manifattura delle Arti, via Azzo Gardino 14/a – info: cardrde.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here