Andrea SalvatoriIronia, spiazzamento dello sguardo, contrasto tra realtà e finzione, sono gli elementi che caratterizzano le opere di Andrea Salvatori fin dagli esordi.

In occasione della undicesima Giornata del Contemporaneo, la Galleria Il Pomo da DaMo di Imola presenta la personale di Andrea Salvatori dal titolo “Ritrovati Anomali”.

Andrea Salvatori mette in mostra una serie di sassi in ceramica. Ad un primo sguardo paiono solo delle banali imitazioni di pietre rubate alla riva di un fiume, ma ad un altro, più attento, rivelano sembianze umane. Orecchie, nasi e labbra emergono dagli spigoli dai sassi umanizzando e dando vita a nuove identità, quasi fiabesche, cadute come meteoriti da Marte.

Scrive Chiara Fuschini nel testo a catalogo della mostra “Metaceramico: “In lui c’è il grande gusto della provocazione, che, attraverso operazioni culturali non puramente visive, ci porta ad avere a che fare con la materia grigia della nostra comprensione. Nel suo lavoro vediamo spesso qualcosa le cui caratteristiche ci portano a qualcos’altro, e le similitudini spesso sfuggono a una percezione superficiale. Le immagini ci fanno slittare da un’idea all’altra e si prestano al gioco della molteplicità, sempre mutevole, sempre rivitalizzata, il cui fascino non è mai frainteso con la banalità”.

Il gioco poetico di Salvatori sta sempre nel shock tra imitazione del reale con cui l’artista lavora la ceramica con precisione quasi maniacale e la creazione di oggetti irreali.

La mostra è aperta al pubblico dal 30 settembre. L’inaugurazione è prevista per domenica 11 ottobre, ore 18, quando l’artista sarà presente in galleria per un momento conviviale.

 

30 settembre- 11 novembre, Imola, Andrea Salvatori: Ritrovati Anomali, Il Pomo da DaMo, via XX Settembre 27, apertura: mercoledì, venerdì, sabato, ore 17-19, info: 333 4531786, ilpomodadamo.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here