mala-vita_11
Un frame di Mala vita

Una commissione ha setacciato i titoli più interessanti tra i 4.069 film iscritti e provenienti da 117 Paesi. Compito difficile, perché si rischiano esclusioni a volte eccellenti, ma il mix delle pellicole scelte ha determinato una selezione con diverse tematiche: Immigrazione, sogni, fatti di cronaca, disabilità, rapporti familiari, fobie, e assicura una allargata provenienza geografica. Tutti i generi sono rappresentati: fiction, animazioni, documentari, film sperimentali e saranno visionabili ben 215 corti più 12 film realizzati con le scuole, divisi nelle sezioni MOVIE (fiction internazionale) e ANIMALAB (animazione internazionale), CORTITALIA (solo film italiani) e ANIMARE (animazione per ragazzi).

Tra i film italiani non mancano personaggi noti come Luca Argentero protagonista di Mala Vita, Stefano Accorsi regista di Io non ti conosco, Serena Grandi nel drammatico Eternit, Giorgio Colangeli nel corto L’impresa e sarà anche ospite la regista Liliana Cavani.

Quello che però distingue questo festival, al di là dei nomi è il saper andare oltre alla semplice, ma pur ottima rassegna di titoli inediti con idee concrete. Non bastassero le circa 10.000 presenze della scorsa edizione a giustificare la forte presenza di pubblico, quest’anno gli organizzatori rivolgono attenzione sia al campo della didattica coinvolgendo le scuole, dalle medie alle superiori con progetti di cinema animato, laboratori e proiezioni, sia al campo della formazione.

Non bastasse questo coinvolgimento delle giovani generazioni, la novità di quest’anno sarà un campus internazionale dove i giovani registi europei invitati saranno alle prese con le nozioni fondamentali del pitching, ossia tutto ciò che c’è da sapere dopo che si è fatto un prodotto cinematografico, dalla post realizzazione alla promozione del proprio lavoro agli addetti ai lavori, alla ricerca di distributori. Oltre al campus gli autori previsti e ospiti del Festival offriranno le loro esperienze con una serie di meeting pomeridiani. I film saranno proiettati in tre sale: Cinema Apollo, Auditorium Cariromagna e Cosmonauta. E come potrebbe Gagarin non amare un festival dove le sale si chiamano Apollo e Cosmonauta?

ROBERTO POZZI

8-17 ottobre, SEDICICORTO FILM FESTIVAL, Forlì, Cinema Apollo, via Mentana 8; Cariromagna Auditorium, via Flavio Biondo 16; Cosmonauta, via Giorgio Regnoli 41

Info: sedicicorto.it/

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here