osservanza
Osservanza, Imola

Atlas Italiae di Silvia Camporesi è molto di più che un libro fotografico: un atlante dei luoghi abbandonati d’Italia, una geografia romantica di storie interrotte e vite perdute. Un viaggio nell’Italia che segue le tracce di edifici sperduti e caduti nell’oblio.

Fino al 10 gennaio a Imola alla galleria Pomo da Damo e al Museo di San Domenico è allestita Atlas Italiæ/Tabula: Imola, la mostra di Silvia Camporesi, a cura di Angela Madesani, dove l’artista espone una trentina di fotografie di grande, medio e piccolo formato scattate in giro per lo Stivale, di cui un nucleo, in bianco e nero, sono colorate a mano e un altro dal titolo Tabula Imola riguarda alcuni luoghi imolesi.

«Sono sempre stata interessata ai luoghi abbandonati – spiega Silvia Camporesi – ma l’idea di un lavoro specifico su questo tema nasce circa due anni fa, da una chiacchierata con un amico-collezionista. Abbiamo poi coinvolto altri 15 collezionisti e, tramite un crowdfunding, abbiamo raccolto il budget per coprire le spese di viaggio e la stampa del libro. È stato un viaggio a rate, conclusosi a gennaio del 2015».

Un progetto che assomiglia a un reportage o a una catalogazione, ma che persegue una finalità artistica e non certo sistematica. «La raccolta di immagini è sicuramente una forma di catalogazione – continua Silvia – anche se sono lontana da ogni pretesa di raccolta esaustiva, la definisco più che altro una mappatura poetica dei luoghi. Ho visitato tutte le regioni italiane, questa è stata la regola alla base del lavoro. Nel libro i luoghi sono mescolati, raccolti per tema e non per regione. Solo alla fine compare un indice che li localizza».

mensa
Mensa del carcere dell’isola di Pianosa

Come hai selezionato i luoghi?

«Ho trovato i siti facendo delle approfondite ricerche su Internet e poi, attraverso contatti con persone del posto, ho cercato informazioni aggiornate per capire quanto fossero ‘appetibili’ al momento della mia visita. I luoghi abbandonati sono per definizione fragili, si deteriorano in fretta e quindi era necessario sapere a priori cosa avrei trovato. Questo metodo mi ha permesso di escludere paesi ed edifici troppo deteriorati o vandalizzati e dedicarmi invece ai luoghi contenenti echi di memoria delle persone e delle storie che li hanno vissuti. Seguendo questo metodo ho selezionato paesi abbandonati con case ancora parzialmente arredate, ospedali psichiatrici, colonie, ville, in generali luoghi ancora ‘parlanti’».

teatro
Il teatro sotteraneo di Imola

Quali sono stati i luoghi più suggestivi che hai incontrato in Romagna o a Bologna?

«Sicuramente le antiche terme di Porretta, le colonie abbandonate del mare, e ho trovato davvero suggestivo il teatro sotterraneo di Imola, la cui costruzione fu iniziata durante il periodo fascista e mai terminata a causa dello scoppio della guerra».

Il lavoro è nato come crowfounding, quali difficoltà e vantaggi hai incontrato?

«L’unica difficoltà è stata portare a termine il progetto nei tempi stabiliti, dovendo fotografare in ogni stagione, con l’incognita delle condizioni atmosferiche. Per il resto il crowfounding è stata un’esperienza bellissima: 15 persone hanno creduto sulla carta ad una mia idea e sono stati disposti, con fiducia ed entusiasmo, a finanziarla».

Sabato 12 dicembre alle 17,30, nell’auditorium Aldo Villa del Museo di San Domenico, sarà presentato il libro Atlas Italiæ, edito da Peliti Associati, a cura di Marinella Paderni e, a seguire, l’artista illustrerà la mostra con una visita guidata.

STEFANIA MAZZOTTI

Fino al 10 gennaio 2016, SILVIA CAMPORESI: ATLAS ITALIAE / TABULA IMOLA, Imola, Museo di San Domenico, via Sacchi 4 e Galleria Pomo da Damo, via XX Settembre 27. Ingresso libero. Info: 333 4531786, 0542 602609, ilpomodadamo.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here