un-immagine-di-mad-max-fury-road

Alla fine quello che tutti avevano già intuito da tempo è stato confermato: Mad Max Fury Road è stato infatti premiato come Miglior Film dell’anno, durante il National Board of Review di New York. ll quarto capitolo della leggendaria saga di Interceptor, lanciata quasi 34 anni fa da un giovanissimo e fenomenale Mel Gibson, non ha di certo deluso le aspettative dei tantissimi fan che lo aspettavano da circa 3 anni. Certo i tempi sono cambiati molto dal 1981: la tecnologia ha fatto passi da gigante nel cinema, e lo stesso regista George Miller ha deciso di dare una svolta epocale all’universo di Max inserendo elementi nuovi, come un’eroina femminile che ha letteralmente spiazzato i fan della saga.

Parliamo di Furioza (interpretata da una bellissima Charlize Theron), la schiava preferita dal villain di Fury Road che decide di ribellarsi con fierezza e di condurre in salvo, con l’aiuto di Max, l’intero harem del cattivo di turno: un inquietante sovrano di una città ridotta in ginocchio, sulla quale mantiene il controllo della popolazione centellinando le razioni d’acqua. Si tratta di un elemento del tutto nuovo, dato che nei precedenti film Miller aveva sempre preferito inquadrare l’universo di Max in un cinico mondo che trattava le donne solo come oggetti, senza possibilità di riscatto. Eccezion fatta per la splendida Aunty Entity di Beyond Thunderdome, il terzo ed ultimo capitolo della saga risalente addirittura al 1985. Ma si trattava di Tina Turner, non di una donna qualsiasi.

La storia del film, di per sé, non è qualcosa che passerà ai posteri per l’originalità: la pellicola è un continuo avanti e indietro fra autostrade e lande desertiche, a bordo di camion modificati e delle solite auto-vetture techno-punk piene di spuntoni di metallo sporgenti e di borchie. Questo, però, è quello che ha sempre contraddistinto la bellezza di Mad Max: polvere, violenza, sangue e sabbia, senza troppi giri di parole. Se vi siete persi questo capolavoro, siete ancora in tempo per rimediare visitando portali come Infinity dove è possibile guardare il Mad Max Fury Road in streaming. Non ve ne pentirete, dato che parliamo del miglior film del 2015.

Inoltre, anche se si tratta solo di voci di corridoio non confermate, pare che la creatura di George Miller, Tom Hardy e Charlize Theron non terminerà la sua carriera di premi con il National Board of Review di New York: un riconoscimento molto prestigioso che arriva da un’associazione con più di 100 anni di vita e assegnato da una giuria composta da numerosi professionisti del cinema, studenti, insegnanti, cinofili ed esperti della cinematografia. Un grande premio che, però, non è lontanamente paragonabile agli Oscar. Proprio in questo senso, Mad Max: Fury Road sarà sicuramente presente agli Oscar 2016 che verranno assegnati il 28 febbraio. Le nomination le sapremo solo a metà gennaio, ma appare improbabile non assistere all’exploit del quarto capitolo della saga di Interceptor.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here