12742838_1089726524400474_3755586222111615220_nHa come tematica lo (s)-Confine questa terza edizione di “Marradi Campana Infesta”, il Festival di Arte Pubblica che l’artista Stefano Scheda organizza nella piccola cittadina al confine tra Toscana e Emilia Romagna. Marradi, famosa per aver dato i natali al poeta dei «Canti Orifici» Dino Campana, anche questo luglio tornerà ad ospitare gli interventi di Scheda e dei suoi alunni dell’Accademia di Belle Arti di Bologna, realizzati in collaborazione con l’artista visiva Serena Piccinini, la performer MonaLisa Tina e il designer Francesco Benedetti. Cosa si intende esattamente per “(s)Confine”? Se ne parla questo venerdì sera, in un evento aperto a tutta la cittadinanza e non solo, ospitato dal Teatro degli Animosi di Marradi. In realtà lo (s)Confine, così come i temi affrontati nelle precedenti edizioni – la (s)Catastrofe (2014) e lo (s)Nodo (2015) – sono delle occasioni per poter promuovere un dialogo aperto e arricchente con chiunque ne voglia prendere parte, definendo una nuova forma di societing, di cui la cittadina toscana si fa così fucina di sperimentazione. Un festival di indubbio interesse, capace di inserire le arti visive e performative in un più ampio orizzonte culturale e interdisciplinare, come dimostrano gli interventi di ospiti prestigiosi quali sono stati nelle scorse edizioni Piergiorgio Odifreddi, matematico e saggista, Matteo De Simone, psicoanalista, Erasmo Silvio Storace, filosofo, Ubaldo Claudio Cortoni, teologo e Mili Romano artista e antropologa.

 

 LEONARDO REGANO

 

Presentazione Marradi Campana Infesta 2016 – Venerdì 26 febbraio ore 21.00, Teatro degli Animosi, Viale della Repubblica 1, Marradi (Fi).  

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here