shoponline

Il settore dell’online è senza dubbio diventato il principale riferimento in ambito commerciale: non c’è azienda, infatti, che non abbia deciso di sbarcare sul web aprendo un e-commerce. O che, comunque, non ci stia pensando proprio in questo momento. D’altronde stiamo vivendo un momento in cui la società è sempre più coinvolta dalla rivoluzione del digitale: a partire dagli utenti (e dunque dai potenziali clienti) che sono particolarmente attratti dalle tecnologie, ed amano utilizzare gli Smartphone per fare qualsiasi cosa. Acquisti compresi.
Ed è proprio per questo motivo che il mondo del web sta diventando un vero e proprio centro commerciale elettronico, sempre più spesso animato da una competizione che vede agire tantissimi attori diversi, in numerosi settori: si va dall’elettronica agli alimenti DOP, passando per le automobili e per gli accessori. In questo ambito, una menzione speciale la meritano indubbiamente i settori del design e dell’arredamento: veri e propri cavalli trainanti di un’economia (quella italiana) che s’è dovuta aggrappare a poche certezze per tirare avanti nel 2015. Ed in questo senso, gli e-commerce come
Mohd sono stati decisivi per permettere agli utenti di acquistare online prodotti di design e arredamento di grande prestigio, ma non per questo eccessivamente dispendiosi.
E sono stati proprio gli italiani a spingere le aziende a rivolgersi con maggiore convinzione al mondo del web: secondo i dati raccolti da
Osservatori Digital Innovation, infatti, lo shopping online ha portato nelle casse delle aziende oltre 16 miliardi di euro negli ultimi 12 mesi, con un incremento del 16% rispetto al 2014. Una situazione ideale per sfruttare un mercato florido e in continua espansione, che promette guadagni da capogiro a chiunque sappia sfruttare questa situazione a proprio vantaggio. Anche perché la vendita del design e dell’arredamento online, che si tratti di un divano o di un abito firmato, porta con sé tantissimi benefici: innanzitutto, i negozi online possono permettersi di vendere i propri prodotti a prezzi decisamente più competitivi rispetto ai negozi fisici, semplicemente perché non devono pagare gli altissimi costi di gestione dei punti vendita.
Inoltre la vendita online, se supportata dalle corrette strategie di web marketing e di advertising su Google, è in grado di portare all’e-commerce un enorme traffico aggiuntivo: in altre parole, una fetta di pubblico che difficilmente si sarebbe potuta raggiungere attraverso i comuni canali promozionali. Volendo tirare le somme, dunque, il web rappresenta senza dubbio il futuro dello shopping: meglio affrettarsi, per poter strappare il pubblico alla concorrenza.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here