© TUTTI I DIRITTI RISERVATI ©

 

© TUTTI I DIRITTI RISERVATI ©

,

Con lo spettacolo I vicini, prodotto dal Teatro Stabile di Bolzano e messo in scena per la prima volta nel 2014, Paravidino affronta il tema delle nostre paure. Quelle immaginarie e quelle reali. Le paure reali che sono le nostre paure immaginarie. I vicini è una pièce su noi stessi, sugli altri, su noi stessi e gli altri, sui vicini lontani, sulla guerra, su quello che è reale, su quello che è immaginato, su quello che è reale perché è immaginato. Un po’ come certi fantasmi, un po’ come certo teatro. E’ un commedia che si sviluppa su due binari: quello irrazionale (forse kafkiano) che risponde al desiderio di scavare nell’incubo e quello concreto (un po’ alla Eduardo o alla Woody Allen) connesso al modo di stare in scena che più piace all’autore.

I protagonisti principali sono marito e moglie. Lui sente dei rumori provenire dal pianerottolo. Cercando di non farsi sentire va a guardare dallo spioncino. I rumori cessano. Ritorna al suo posto. Quando Greta torna a casa glielo dice: mentre lei non c’era lui ha visto i vicini. Com’erano? Lui non sa dire, vedere non è capire, però ne ha paura. Perché? E chi lo sa, se sapessimo esattamente di cosa abbiamo paura, probabilmente paura non ne avremmo.

Il cast sarà composto da: Iris Fusetti, Davide Lorino, Fausto Paravidino, Sara Putignano, Barbara Moselli.

.

3 marzo, ore 21 – Longiano (FC), Teatro Petrella, piazza San Girolamo 3 – info: 0547 666008, teatropetrella.it

m

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here