Domenico Baccarini, Sensazioni dell'anima, particolare,
Domenico Baccarini, Sensazioni dell'anima, particolare,
Domenico Baccarini, Sensazioni dell’anima, 1903, particolare

È il primo esperimento in Italia e vuole raccogliere in un unico contenitore, www.arteromagna.it, il mondo delle arti romagnole moderne e contemporanee. Si chiama DOC ed è nato a Imola dall’impegno della Fondazione Cassa dei Risparmio di Imola. Il Centro di Documentazione si pone l’obiettivo di archiviare ogni genere di arte: da quelle visive, alla moda, al teatro, alla fotografia.

«Si tratta di realizzare un punto di riferimento – spiega Franco Bertoni, curatore scientifico del Centro di Documentazione Arti Moderne e Contemporanee in Romagna – per gli studiosi, i ricercatori, ma anche gli appassionati sullo stato dell’arte romagnola che a mio avviso va a coprire una mancanza. L’idea è scaturita a partire dal lavoro già avviato con la mostra Arte dal Vero. Aspetti della figurazione in Romagna dal 1900 ad oggi che lo scorso anno ha avuto un enorme successo di pubblico. La Fondazione ha ritenuto opportuno proseguire in questo campo d’indagine creando un organismo strumentale che avrà come compiti quelli di promuovere, documentare e valorizzare gli artisti operativi in Romagna dagli inizi del secolo scorso ad oggi, raggiungendo l’obiettivo di offrire al pubblico e alla critica una occasione di visione complessiva e agli artisti romagnoli, ai musei locali e agli enti – pubblici e privati – l’opportunità di una maggiore circolazione delle proprie attività».

Il portale è, insomma, una sorta di wikipedia dell’arte romagnola dal 1900 fino ai giorni nostri dove sarà possibile accedere a delle nozioni biografiche e bibliografiche di ogni artista e dove sarà possibile mettere in rete gli appuntamenti realizzati delle varie istituzioni del territorio. «Il portale documenta gli artisti storici ma soprattutto vuole realizzare un archivio degli artisti contemporanei. Per questo motivo accettiamo anche candidature spontanee dei singoli artisti che, ovviamente, dovranno passare l’approvazione del comitato scientifico composto da Andrea Emiliani, Presidente del Centro di Documentazione Arti Moderne e Contemporanee in Romagna, Alessandro Zucchini, Direttore Istituto per i Beni Artistici, Culturali e Naturali della Regione Emilia Romagna e da Sergio Santi, Presidente della Fondazione Cr Imola».

Il progetto inoltre vuole dare vita alla creazione di una biblioteca specialistica, di un piano di acquisizioni e di mostre dedicate ad opere e artisti.

La prima di queste è la la presentazione al pubblico dell’opera Sensazione dell’anima di Domenico Baccarini, appena acquisita, in mostra fino al 12 giugno, negli spazi del Centro Polivalente Gianni Isola a Palazzo Sersanti.

Considerata fra le opere scultoree più significative dell’autore, tanto per la sua esecuzione quanto per il tema lungamente coltivato dall’artista faentino Domenico Baccarini, esposta nella grande mostra sul Liberty di Forlì qualche anno fa, la magnifica composizione dal titolo “Sensazioni dell’anima” è la prima opera acquistata dal Doc e considerata a tutti gli effetti simbolo e punto di partenza del Centro di Documentazione.

I riferimenti evidenti a Simbolismo, Verismo e Liberty collocano la statua, eseguita da Baccarini nel 1903, al principio dell’importante stagione artistica Romagnola di cui fece parte il “Cenacolo baccariniano”, stagione alla quale il DOC rivolge la sua attenzione. Pensato come Centro di documentazione utile allo studio, all’approfondimento e alla promozione delle arti romagnole di questi ultimi cento anni, il DOC ha fra i sui obiettivi anche quello di perseguire una politica di acquisizioni di opere inerenti all’argomento di interesse.

 

STEFANIA MAZZOTTI

 

Fino al 12 giugno, Imola, Centro Polivalente Isola, piazza Matteotti, apertura: martedì, giovedì, sabato, e domenica: 10-12 e 16-19, mercoledì e venerdì: 16-19. La mostra resterà aperta anche nelle serate di Imola in Musica dal 1 al 5 giugno dalle 21 alle 23

DOC,  Centro di Documentazione delle Arti Moderne e Contemporanee in Romagna, Imola (Bo), Fondazione Cassa di Risparmio di Imola, piazza Matteotti. Info: 0542/32573, arteromagna.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here