Arte moderna e contemporanea a confronto. Con questo spirito la mostra “Paragone. Antico Contemporaneo” indaga l’arte in tutta la sua evoluzione cercando di tracciare un percorso nell’infinita variabilità delle sue forme. La mostra, che prende titolo dalla storica rivista fondata da Roberto Longhi nel 1955 ospiterà al suo interno anche la Natura morta con mele, cipolle, agli, zucca e rami, attribuita dalla critica a Paolo Antionio Barbieri, fratello del Guercino, oggi conservata al Museo della Città di Ravenna. L’equilibrio incerto di una composizione imminente e franante, tutta trattenuta su un punto ancora incerto nella sua saldezza, è la cifra di un dipinto che da qualche tempo è al centro di molti e diversi interessi critici, a testimonianza della complessità, sempre aperta, dei valori semantici di quest’opera d’arte. L’arrivo dell’opera del Barbieri è un motivo in più per visitare la mostra, che è promossa dal Comune di San Leo, in collaborazione con la Direzione Regionale dell’Emilia-Romagna, per la cura di Alessandro Marchi, e resterà aperta presso la Fortezza fino al 6 novembre.

BARBIERI Paolo Antonio, Natura morta con mele, cipolle, agli, zucca e rami, Ravena, Museo d'Arte della Città, inv QA 312

LEONARDO REGANO

Dal 1 luglio al 6 novembre 2016

 

San Leo, Fortezza Rinascimentale

Info: Info 0541 926967 info@sanleo2000.it – www.san-leo.it
Aperture notturne con visita guidata:
Luglio: Giovedì 14-21-28; Agosto: Giovedì 4-11-18, ore 21.30

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here