Sull'oceano

,

La rassegna Le città visibili si conclude con lo spettacolo scelto dai Visionari, un gruppo di 65 appassionati di teatro, cittadini comuni non addetti ai lavori di settore che hanno creato una giuria popolare scegliendo quale lavoro potesse essere messo in programma e portato sulle assi del Giardino del Palazzo Lettimi di Rimini. Ispirato al romanzo di Edmondo De Amicis, l’adattamento drammaturgico di Michele Crestacci e Alessandro Brucioni (rispettivamente anche interprete e regista della messinscena), ci fa riflettere sul fatto che siamo tutti immersi in uno stesso oceano.

C’è un processo migratorio che sembra non arrestarsi. Un carico di sangue italiano rubato, come scrive De Amicis. Un piroscafo, 1.600 persone, la terza classe stivata di emigranti, la rotta transatlantica, l’attraversamento dell’equatore e lo sbarco nel nuovo mondo. Nello sguardo di un narratore le voci del Galileo divengono una umoristica, poetica e drammatica sala da ballo, un viaggio all’interno delle proprie paure e dei propri sogni. Dal Piroscafo emerge la storia dell’onirico mondo delle crociere della Royal Caribbean. Una delle più potenti e devastanti navi da crociera che abbia mai solcato l’Atlantico. Una macchina da guerra del divertimento, dell’oblio, del relax forzato. Nello spettacolo due mondi si incrociano. Due viaggi. Un viaggio consumato a bordo del Galileo, con i contadini in cerca di terre, e con la drammatica e commovente storia dell’emigrazione italiana ottocentesca e un altro a bordo della Royal Caribbean, con la storia del signor Whiteman e delle sue spericolate avventure e visioni.  Nella scrittura acustica dello spettacolo ha collaborato Giacomo Masoni. Produzione mo-wan teatro in co-produzione con Armunia Festival Costa degli Etruschi.

 

5 agosto, ore 21.30 – Rimini, Giardino di Palazzo Lettimi, via Tempio Malatestiano 26 – ingresso gratuito – in caso di pioggia la serata si terrà alla Sala del Giudizio della città di Rimini, in via L.Tonini 1 – info: 339 4976319, lecittavisibili.com

.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here