Paper airplane in children hands on yellow background and blue sky in coudy day

Paper airplane in children hands on yellow background and blue sky in coudy day

Saranno gli scrittori Giacomo Mazzariol, Teo Benedetti e Davide Morosinotto, i registi Nicola Campiotti, Cristiano Governa e Riccardo Marchesini, lo psicoanalista Massimo Ammaniti i protagonisti del ciclo di incontri “Crescere, che fatica”, promosso da Fondazione Golinelli e da AISMI Associazione Salute Mentale Infantile. Cinque incontri a ingresso libero sui temi dell’educazione genitoriale, sulla psicologia dello sviluppo, sull’apprendimento e sulla crescita, in programma a Opificio Golinelli (via Paolo Nanni Costa, 14) da ottobre a marzo.

Il primo appuntamento è domani giovedì 13 ottobre alle 18.15 con la presentazione del libro Mio fratello rincorre i dinosauri. Storia mia e di Giovanni che ha un cromosoma in più di Giacomo Mazzariol (Einaudi, 2016). L’autore, 19 anni, dialoga con Antonella Misuraca dell’associazione GRD (Genitori Ragazzi Down – Bologna) e con Marco Lombardo, consigliere comunale, esperto su temi di integrazione europea, diritti fondamentali e dei disabili. Introducono Antonio Danieli, direttore della Fondazione Golinelli e Marilisa Martelli, presidente dell’Associazione Salute Mentale Infantile. Con la partecipazione di UOC Neuropsichiatria Infanzia e Adolescenza, Azienda USL di Bologna.

«Dal confronto tra Fondazione Golinelli e Associazione Salute Mentale Infantile – spiega Marilisa Martelli, presidente AISMI – è nata l’idea di aprire uno spazio per incontri dedicati a narratori, scrittori e registi, che abbiano rivolto la loro attenzione alla crescita dei bambini e dei ragazzi, ma anche degli adulti che nei diversi ruoli di loro si occupano. Le opere verranno presentate e commentate con gli autori in modo da favorire un dialogo a più voci tra ragazzi e adulti insieme, e privilegiando diversi approcci disciplinari. L’esperienza ci conferma che incontrare i narratori, e commentare insieme la loro opera, aiuta a individuare e condividere come possano emergere energie speciali, individuali e familiari, che consentono la ricostruzione di nuovi percorsi di vita. E come questo possa accadere anche quando la strada è in salita».

«Uno degli obiettivi prioritari della Fondazione Golinelli è, partendo fin dalla prima infanzia, educare i giovani per la loro crescita culturale – dice Antonio Danieli, direttore Fondazione Golinelli −. Come affrontare oggi il tema educativo per aiutarli affinché, una volta adulti, siano in grado di affrontare la vita in un mondo sempre più globale, multiculturale e a larghi tratti imprevedibile?

Il ciclo “Crescere, che fatica” combina alcuni pilastri fondamentali dell’approccio della Fondazione: l’idea della interdisciplinarità (linguaggi diversi tra scrittura e cinema) unita a una visione olistica della cultura, vissuta come esperienza vicina all’educazione e alla formazione. Nel ciclo di incontri si affrontano alcune tra le principali esigenze educative: l’importanza di dare ai giovani etica, valori e responsabilità (Ammaniti); l’inclusione come diritto per tutti (Mazzariol); la capacità di saper vincere – evitando le trappole – le sfide dello sviluppo scientifico e tecnologico che l’oggi ci impone (Benedetti e Morosinotto); l’arte di immaginare il futuro (Nicola Campiotti); il contemporaneo – e di consolidata tradizione – senso di una comunità educante (Governa e Marchesini)».

 

 

Bologna, Opificio Golinelli, via Paolo Nanni Costa 14, 40133, 13 ottobre ore 18.15. Tutti gli appuntamenti al sito fondazionegolinelli.it

 

SILVIA MERGIOTTI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here