la-morte-corre-sul-fiumeAl cinema Saffi d’Essai di Forlì, martedì 25 novembre, torna sul grande schermo un capolavoro segreto del cinema americano, fonte di ispirazione per Scorsese, Malick e tanti altri, l’unica regia di Charles Laughton, nella versione restaurata dalla Cineteca di Bologna. La morte che corre sul fiume è una fiaba gotica vista dagli occhi di due bambini, fotografata in un bianco e nero espressionista e visionario, che regala a Robert Mitchum uno dei più grandi personaggi della sua carriera.

Un film unico e irripetibile, considerato tale fin dal suo apparire (così lo giudicava Truffaut nella sua recensione), come se fosse destino che lo stesso Laughton non avrebbe più osato sfidare tanta perfezione. Un film, che come nessun altro ha il passo dell’infanzia e in cui la cosa più straordinaria e proprio l’arcano, meraviglioso disegno dei personaggi. Fiaba e thriller, bianco e nero, luci e ombre, il bene contro il male. Un film di opposti inconciliabili, come quelle parole, “love”, “hate” (amore e odio), che il predicatore ha tatuato sul dorso delle dita. Una delle tante immagini indimenticabili di questo capolavoro senza tempo.

Martedì 15 novembre, Cinema Saffi d’Essai, Viale dell’Appennino, Forlì, 21.15, info: 054384070

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here