malvaldiniQuesta sera, mercoledì 16 novembre sarà ospite de Il Tempo Ritrovato Marco Malvaldi amatissimo e lettissimo autore della serie di romanzi sui vecchietti del Bar Lume. Lo scrittore e scienziato pisano dialogherà con Matteo Cavezzali sul rapporto tra scienza e letteratura trattato in L’infinito tra parentesi. Storia sentimentale della scienza da Omero a Borges (Rizzoli Editore) alle 18.30 a Palazzo Rasponi delle Teste a Ravenna.

La poesia e la scienza, secondo Malvaldi vagabondando tra un secolo e l’altro, non sono opposte, ma sono entrambe tensione alla conoscenza del mistero del reale. Ben prima dell’invenzione del microreticolo metallico, Efesto nell’Odissea forgiava “catene impossibili da frangere, sottili come fili di ragnatela”, catene che “nessuno avrebbe potuto notare, neppure un dio, tanto erano ingannevoli”. Ben prima degli studi di Maxwell sul tempo di rilassamento dei liquidi, Lucrezio intuì che molecole di lunghezza differente scorrono con tempi differenti. Anche Gozzano, in una delle sue poesie più belle, descrive con precisione l’imprevedibilità di una crepa, oltre che la viltà di un giovane pattinatore di fronte a una donna innamorata. E questo molto prima che i matematici dimostrassero – anche attraverso il Gioco della vita l’impossibilità assoluta di predire l’evoluzione di alcuni sistemi.

La poesia e la scienza, ci spiega l’autore vagabondando tra un secolo e l’altro, non sono opposte, non lo erano alle origini e non lo sono oggi, che si concepiscono entrambe come tensione alla conoscenza del mistero del reale.

La mattina seguente Marco Malvaldi, incontrerà gli studenti dell’ITIS Nullo Baldini, sempre per la rassegna Il Tempo Ritrovato.

Mercoledì 16 novembre, Il Tempo Ritrovato, Ravenna, Piazza John Fitzgerald Kennedy, 12, 18.30, info: 0544 482009

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here