Dopo i primi due eventi, tenutisi nel 2016 presso gli studi di Francesco Bocchini e Andrea Salvatori, il Festival Cristallino – Luoghi per le arti visive prosegue la sua ricognizione di alcune esperienze artistiche contemporanee, nella formula di un percorso itinerante alla volta di quei luoghi in cui cresce e si rende manifesto l’atto creativo: gli atelier.

La stagione 2017 del Festival Cristallino si apre domenica 22 gennaio con ABORIGENO / SELF CONTAINER, un appuntamento che avrà luogo negli atelier dell’artista Giorgia Severi e del designer Marcantonio Raimondi Malerba. Un duplice evento per un’unica sede, sita in via Assano,  a Cesena (FC).

Marcantonio Raimondi Malerba lavora nella scena teatrale e a collaborare con vari architetti. In parallelo alla sua produzione d’arte crea articoli di design, combinando passo dopo passo questi due linguaggi. Proprio nel segno di questa contaminazione tra arte, arredo e design si rivela la sua cifra estetica, sempre giocata sul filo del non sense e dell’ironia, secondo una ludica e irriverente sovversione dei registri.

La ricerca di Giorgia Severi si incentra sul paesaggio e sulla natura, attraverso opere site specific che la portano al nomadismo, all’attraversamento culturale, alla cura del mondo. Il suo sguardo è sempre inteso alla sensibilizzazione su tematiche che coinvolgono l’uomo e la Terra.

Al centro del lavoro di entrambi gli artisti quindi sta l’elemento naturale, ripreso tuttavia secondo una prospettiva stilistica diametralmente opposta: perché se nell’opera di Malerba la natura diventa spunto di rivisitazione ironica del rapporto che intratteniamo con essa e della strumentalità di cui la investiamo, secondo un concept di redesign che permette all’artista di creare dei prototipi animali e vegetali spiazzanti e surrealistici, nei lavori di Giorgia Severi il contatto con il mondo naturale si carica di una riflessione ambientalista e sociale, in un ampliamento dell’idea di paesaggio che tiene in considerazione i cambiamenti cui viene di continuo sottoposto per effetto dell’azione antropica.

La visita agli studi sarà a cura di Roberta Bertozzi, critica e coordinatrice di Calligraphie, che proporrà un’introduzione alla loro opera anche in relazione con la successiva performance Fiume verticale del duo Barachetti / Ruggeri, un evento realizzato in collaborazione con Ribéss Records.

In linea con gli altri appuntamenti performativi di questa edizione di Cristallino, Cena sul ring e 80 mesh – La forma del suono, anche questa installazione sonora prosegue la ricerca di possibili innesti tra forme visive e forme sonore avviata sull’ultimo numero della rivista EDEL, semestrale di pratica cristallina, uscito a ottobre 2016.

Domenica 22 gennaio, via Assano 1450, Cesena (FC), 17.30, info: www.cristallino.org

SILVIA MERGIOTTI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here