Conosciuto come il Tim Burton italiano, Stefano Bessoni è il più stimato tutor per animazione stop-motion in Italia, ma anche all’estero. Personalità d’eccezione all’interno del campo dell’animazione, Bessoni è anche insegnante, regista, illustratore e autore di libri e film sperimentali e documentari, che lo hanno portato ad aggiudicarsi una serie di premi importanti, nazionali e internazionali. Il Fontanone –dissetante culturale di Faenza sarà lieto di ospitarlo giovedì 9 marzo alle ore 19 per un incontro – promosso dall’associazione Altr’e20 – aperto a tutti gli appassionati del genere che desiderano conoscere lui e i suoi libri.

In particolare l’autore parlerà del suo libro “Stop motion. La fabbrica delle meraviglie” (ed. Logos), primo manuale sulla tecnica stop-motion e di altri due volumi illustrati da lui redatti. Il primo, corrispondente al primo livello dei suoi workshop, insegna a realizzare un’animazione, a come gestirla attraverso un software e quale attrezzatura utilizzare, definendo i principi base per la creazione dei personaggi. Il secondo volume, corrispondente invece al secondo livello, svela quali sono i segreti per fabbricare attori e protagonisti ideali per l’animazione attraverso una descrizione dettagliata dei materiali, delle loro caratteristiche e dei modi di combinarli insieme con l’obiettivo di rendere l’apprendista capace di creare una propria tecnica personale. All’incontro, grazie alla collaborazione con la libreria Moby Dick, sarà possibile acquistare e farsi autografare anche altri suoi libri dall’atmosfera dark e fiabesca come “Canti della forca”, “Alice sotto terra”, “Pinocchio”, “Homunculus”.

L’artista si tratterrà poi fino a domenica 12 marzo per un workshop di primo livello che si terrà sempre presso il Fontanone. Tre giornate di full-immersion (venerdì, sabato e domenica) dalle 10 alle 18 per apprendere la tecnica base di puppet making per la fabbricazione con tecnica diretta dei burattini per stop-motion. Il programma prevede lo studio dei materiali, l’analisi delle tecniche di fabbricazione, la realizzazione di scheletri e burattini e un primo approccio a software di animazione come Dragonframe.

Giovedì 9 marzo, incontro con Stefano Bessoni, Fontanone-dissetante culturale Faenza, ore 19 – info: 342 661384, facebook.com/fontanonedissetanteculurale

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here