Il trio Sumac, formato da Aaron Turner (Isis, Old Man Gloom, Mamiffer), Nick Yacyshyn (Baptists) e Brian Cook (Russian Circles, These Arms Are Snakes), devoto al caos e al controllo, incontra gli Oxbow da San Francisco, creatura di Eugene Robinson, band seminale della scena underground americana con il suo blues-noise per un doppio concerto imperdibile, martedì 2 maggio al Bronson di Ravenna.

Dopo il disco di debutto “The Deal” del 2015, un piccolo capolavoro del post metal, nel luglio 2016 è uscito via Thrill Jockey Records “What One Becomes”, aggressivo e ricco di nuove suggestioni post che lasciano senza fiato.

“The Deal” sono sei tracce di sonorità doom e sludge piene di violenza e dolore che tutti i fan del genere non possono non aver apprezzato. Poi ecco il secondo lavoro, “What One Becomes”, ma i Sumac hanno anche regalato ai propri fan, lo scorso dicembre, un ep di remix, “Before You I Appear”, sempre con Thrill Jockey, ricco di collaborazioni e dalle vibrazioni davvero sbalorditive, non che ci aspettassimo di meno da una band con questi biglietti da visita.

E insieme ai Sumac saranno sul palco i colleghi Oxbow, la decennale band noiserock di Eugene Robinson (reduce dall’esperienza Buñuel, in cui milita accanto a nomi come Xabier Iriondo, Pierpaolo Capovilla e Franz Valente). Assenti da circa dieci anni dal mercato discografico, dopo il loro “The Narcotic Story” (uscito proprio per Hydra Head Records, l’etichetta di Aaron Turner) ci preannunciano l’uscita, prevista per questa primavera, del loro nuovo album “The Thin Black Duke”.

Martedì 2 maggio, Bronson, Via Cella 50, Madonna dell’Albero, Ravenna, 21.30, info: 333 2097141 www.bronsonproduzioni.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here