Inaugura al MAMbo il 15 giugno 2017 alle ore 17.30, negli spazi della Collezione Permanente, la mostra personale di Maurizio Finotto Vita, morte e miracoli. La rassegna comprende circa 200 tavolette votive realizzate tra il 2015 e il 2017 – ispirate alla tradizione italiana dei “per grazia ricevuta” e a quella messicana dei “retablos” – e il video La lingua dei miracoli, che si inserisce nel programma di Biografilm Festival – International Celebration of Lives. I lavori ripercorrono le vicende autobiografiche dell’artista, interpretandole come effetti di prodigiosi interventi ultraterreni.
Le singole tavolette, secondo le parole dello stesso Maurizio Finotto realizzate in maniera “mistica e ossessiva”, in gran parte con frammenti di legno recuperati dal mare e lavorate con materiali poveri in diverse tecniche, riprendono iconografie e modalità testuali tipiche delle tradizioni popolari della fede cristiana, disvelando eventi drammatici o imbarazzanti che hanno fortemente condizionato l’esistenza dell’autore.
Il video La lingua dei miracoli, della durata di 24 minuti, documenta le reazioni e i commenti della madre e della nonna di Finotto di fronte ad alcune tavolette che lui stesso mostra loro.

In occasione dell’inaugurazione, il 15 giugno alle ore 17.30, nella sala conferenze del MAMbo è prevista la proiezione del video La lingua dei miracoli, alla quale seguirà un dialogo con lo scrittore Ermanno Cavazzoni e il regista e storico del cinema Marco Bertozzi.

Dal 15 giugno al 16 settembre 2017

Bologna, MAMbo, via Don Minzoni 14

Info:  www.mambo-bologna.org

 

(l.r.)

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here