A Dozza, una mostra dedicata alla storia dei Murales segna l’apertura delle attività preparatorie per la prossima edizione, la numero XXVI, della Biennale del Muro Dipinto (11 – 17 settembre). Dopo il focus sui maestri dell’arte bolognese del primo (2015) e di metà Novecento (2016), continua il percorso di riscoperta delle origini del muro dipinto promosso dalla Fondazione Dozza Città d’Arte e dal Comune di Dozza, raccontando il suo sviluppo tra la metà degli anni Sessanta e degli Settanta, ovvero gli anni in cui la manifestazione prese avvio con la nuova cadenza biennale. In mostra circa 80 opere, con un importante tributo e approfondimento sul lavoro del maestro bolognese Bruno Saetti (ex direttore dell’Accademia delle Belle Arti di Venezia), autore dell’affresco Sole sul muro rosso (1967) a cui si aggiunge il contributo di due suoi allievi più noti, Paolo Scarpa e Virgilio Mazzetti.

La mostra sarà visitabile fino al prossimo 29 ottobre.

 

(l.r.)

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.