Ad essere insigniti sono il Sangiovese Riserva e il Burson dell’azienda di Oriolo, sulle colline della città Manfreda

 

Alessandro Morini premiato dal presidente di Ais Romagna Roberto Giorgini

La guida “Emilia Romagna da bere e da mangiare” – curata dall’associazione AIS dell’Emilia Romagna – ha assegnato la menzione d’eccellenza a Nonno Rico, il Sangiovese Riserva dell’Azienda faentina guidata da Alessandro Morini.

Il fiore all’occhiello della cantina è un Sangiovese dal gusto raffinato ed elegante affinato in Tonneaux per 12 mesi a cui ne seguono altri 12 in bottiglia da cui derivano intensi sentori di viole e frutti maturi di sottobosco con eleganti note speziate, il tutto arricchito da struttura e grande persistenza che ne fanno un vino dal gusto rotondo da servire con piatti importanti.

Ma al riconoscimento ottenuto da una delle delle realtà su carta più consolidate in regione, capace di segnalare e riconoscere i migliori esempi di vinificazione da Rimini a Piacenza, ha fatto eco un’altra premiazione per la stessa azienda. Lo scenario è stato quello del concorso mondiale di Bruxelles per il vino, dove questa volta a trionfare con un’eccellente medaglia d’argento è stato Augusto, il prodotto ottenuto da uva Longanesi dell’annata 2010.

Il Bursòn Augusto Ravenna Rosso Igt, porta il nome del nonno materno di Alessandro Morini, proprietario della cantina e sembra quasi rispecchiarne le doti caratteriali: autoctono, piacevolmente rude, intenso e longevo, robusto e da gustare con piatti strutturati e succulenti. Un esempio di longevità e freschezza che a distanza di sette anni non tradisce le aspettative e può riposare ancora a lungo.

 

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here