LOCALEDUE riapre la sua programmazione dopo la pausa estiva e presenta DISCOMFORT una collettiva che raccoglie opere di Marco Amedani, Jacopo Belloni e Alice Palamenghi a cura del collettivo Team Cäef.

Il titolo, DISCOMFORT, presenta il carattere portante del progetto: l’idea di proporre al visitatore una sensazione di disagio all’interno di un ambiente accogliente. L’ambiente creato dal dialogo delle opere di Amedani, Belloni e Palamenghi, utilizzando le forme artistiche della luce, del suono e del tatto, invita ad interrogarsi sul tempo, sullo spazio e sul luogo in cui si è. DISCOMFORT tenta di rappresentare il disagio di una società che ha tentato di sorpassare i confini del progresso troppo velocemente. Il progetto propone tre opere in contrasto e in armonia nello stesso tempo, che modellano i nostri sensi e la conoscenza del vero. Varcando la soglia della della piccola stanza di LOCALEDUE non siamo più certi di vedere il reale. Il fenomeno immateriale della luce, il messaggio acustico in ripetizione e il dover prestare attenzione a come muoversi nello spazio modellano la percezione dell’istante vissuto, condizionando così la visione dello spettatore. Si vuole riflettere sulla complessità dei rapporti e delle relazioni che fanno parte della nostra realtà, attingendo alla memoria di ricordi passati e sfumati di cui se ne conoscono solo i contorni, in un mondo che ha tentato di sorpassare i confini del progresso troppo velocemente lasciando alle spalle scomodità e malessere. Per il Team Cäef è un esperimento che tenta di far riflettere sulla sensazione di disagio permanente che vogliamo ignorare.

Visitare DISCOMFORT significa non essere più certi di vedere il reale. 

Fino al 16 settembre. Ingresso gratuito, su appuntamento.

Bologna, LOCALEDUE, via Azzo Gardino 12C

Info: localedue.it

(l.r.)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here