Bologna, 6/07/2017. Palazzo Fava. Inaugurazione mostra “Astrid Kirchherr with the Beatles”. Foto Paolo Righi/Meridiana Immagini

In occasione della mostra Astrid Kirchherr with the Beatles (7 luglio – 9 ottobre 2017, Palazzo Fava, Bologna), Genus Bononiae – Musei nella Città in collaborazione con ONO arte contemporanea presentano Meet the Beatles! una serie di incontri, talk e presentazioni che sonderanno le influenze che il gruppo di Liverpool ha avuto sulla cultura tout-court.

Letteratura, musica, moda e cinema sono solo alcuni degli ambiti che verranno analizzati dal ciclo di talk che vedranno come protagonisti, studiosi di settore ma anche giornalisti, critici musicali e artisti.

Il primo degli appuntamenti è quello di mercoledì 27, ore 17.00 e giovedì 28 settembre,  ore 19.00: John Lennon 1960-1965: Non solo “With the Beatles” (Mostra bibliografica). Antonio Taormina, docente presso il Dipartimento delle Arti dell’Università di Bologna, uno dei maggiori esperti di editoria su e di John Lennon, presenterà la mostra curata assieme a Donatella Franzoni, che resterà visitabile fino al termine di “Astrid Kirchherr with the Beatles” al secondo piano dell’esposizione. La collezione aprirà alle 17.00, l’incontro, che tratterà della produzione letteraria di Lennon, inizierà alle 17.45.

All’incontro interverrà anche Rolando Giambelli, presidente del Fan Club Beatlesiani d’Italia Associati, e collezionista di materiale legato ai Beatles. Giambelli per l’occasione presenterà per la prima volta a Bologna alcuni pezzi tratti dalla Bag One, la celebre e tanto contestata opera grafica di John Lennon. Taormina e Franzoni sono i curatori di Immagina. Racconti, disegni e sogni di un genio (ed. Il Saggiatore), edizione italiana dei due libri di John Lennon In His Own Write e A Spaniard in the Works su cui è incentrata la mostra.

Prossimi appuntamenti:

I libri dei Beatles. Giovedì 28 settembre, Gino Scatasta, professore di Letteratura Inglese e Culture Mediali Anglofone presso l’Università di Bologna, ci parlerà di come la letteratura del periodo – e non solo – abbia influenzato non solo gli interessi letterari dei Beatles ma anche quelli visuali: nella loro produzione restano tracce di queste letture, spie di una cultura che stava diventando sempre più popolare e meno elitaria a partire dalla fine della guerra. Si cercherà di seguirle, partendo dai primi dischi, attraverso la famosa copertina di Sgt. Pepper fino ai riferimenti alla nuova letteratura dei paperback writers.

Red Ronnie meets the Beatles. Domenica 8 ottobre, ore 17 per raccontare la continua influenza della band di Liverpool sulla musica contemporanea, il conduttore e critico bolognese in conversazione con Andrea Maioli racconterà il suo personale rapporto con i Beatles.

Dal 27 settembre al 9 ottobre, Palazzo Fava, via Manzoni 2, Bologna, 17.00, info: www.genusbononiae.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here