Si apre la seconda edizione di Agorà (23 settembre 2017 – 26 maggio 2018), la stagione teatrale della Unione Reno Galliera, con la direzione artistica di Elena Di Gioia: uno ‘spazio di cultura e di città’ che prende vita in tanti e differenti luoghi, dai teatri (Teatro Biagi D’Antona a Castel Maggiore, Teatro Comunale di Argelato, Teatro La Casa del Popolo a Castello d’Argile, Teatro Alice Zeppilli a Pieve di Cento) alle biblioteche, dalle scuole agli spazi culturali di riferimento dei comuni della Unione Reno Galliera, nella città metropolitana di Bologna – Argelato, Bentivoglio, Castello d’Argile, Castel Maggiore, Galliera, Pieve di Cento, San Giorgio di Piano, San Pietro in Casale.

La stagione è promossa dalla Unione Reno Galliera, realizzata con il sostegno della Regione Emilia-Romagna e prodotta dall’Associazione culturale Liberty.

Dopo la prima edizione, Agorà torna con una programmazione molto ricca e segna di fatto l’avvio di un nuovo teatro diffuso: oltre 50 appuntamenti, spettacoli, prime assolute, produzioni, laboratori e incontri con i più grandi nomi della scena contemporanea.

Con la nuova edizione, Agorà compie, inoltre, un grande passo in avanti, radicandosi in tutti gli otto comuni della città metropolitana di Bologna: ognuno di loro sarà percorso dal soffio di passione che il teatro porta con sé. Si rafforza quindi la mappa, che diviene sempre più ampia e contaminata da nuove realtà, e che connette il “teatro alla piazza”: oltre ai Teatri sono coinvolte le biblioteche, i circoli cittadini e di comunità, centri di lettura, cinema, ville storiche, quadrerie, luoghi inediti e da scoprire fino al supermercato.

Punti nevralgici che caratterizzano la vita di ogni cittadino e cittadina e che con Agorà diventano i luoghi di condivisione, quella stessa condivisione che del teatro costituisce l’anima.

Agorà si compone di spettacoli e di progetti speciali: due binari di programmazione che scorrono paralleli e intrecciati e che generano occasioni di incontro ravvicinato e partecipato tra gli artisti della stagione e i cittadini, le cittadine e le associazioni del territorio.

Un’offerta culturale d’eccezione che segna l’apertura di un nuovo teatro che possa diventare punto d’incontro, dibattito, scambio e creazione per le cittadine e i cittadini, e anche un riferimento nel panorama teatrale italiano.

L’inaugurazione della stagione teatrale (venerdì 6 ottobre) è affidata al Teatro delle Ariette con Sul Tetto del Mondo, in scena ad Argelato. Attori e pubblico tutti in platea, in una narrazione che avvolge gli spettatori intorno al rito delle storie e del nutrimento e che darà l’avvio alla stagione.

Seguiranno tanti spettacoli e nuove creazioni di artisti: Genius Loci Cabaret di Menoventi realizzato appositamente per il progetto 110 Casa del Popolo di Castello d’Argile; Berardi Casolari con Io provo a volare; Maniaci d’Amore con Il nostro amore schifo; Ci scusiamo per il disagio della compagnia pistoiese Gli Omini; Rosa Conchiglia, primo studio di un nuovo testo di Magdalena Barile interpretato da Anna Amadori. Deflorian | Tagliarini portano in scena Cose in un luogo d’eccezione, il negozio dell’antiquario Freak Andò a Castel Maggiore; Piccola Compagnia Dammacco con Esilio, Tindaro Granata con Geppetto e Geppetto; la compagnia bolognese Kepler-452 con un nuovo progetto Comizi d’amore appositamente pensato e realizzato coinvolgendo gli adolescenti dell’Istituto superiore di Castel Maggiore.

Per chiudere il 2017, Revolyutsiya, spettacolo dedicato alla rivoluzione del 1917 e che debutta in prima assoluta con Marco Cavicchioli e la regia di Bruno Stori.

Il nuovo anno prosegue con Due vecchiette vanno a Nord, spettacolo di Tra un atto e l’altro con Angela Malfitano e Francesca Mazza; Due soldi di cioccolata, letture teatrali di Rossella Dassu per la Giornata della Memoria; Oscar De Summa con La sorella di Gesucristo, Luca Scarlini con una conferenza spettacolo dedicata alle collezioni d’arte nella Quadreria del Ritiro del Pellegrino. Massimiliano Civica con Un quaderno per l’inverno; Ascanio Celestini con il nuovo spettacolo Pueblo; Bello Mondo con Mariangela Gualtieri, R. OSA di Silvia Gribaudi, che torna a Pieve di Cento dopo il laboratorio Over 60 dello scorso anno. La compagnia MaMiMò presenta il nuovo spettacolo Nessuna pietà per l’arbitro, Angela Malfitano con Le notti di Cabiria, spettacolo esito del laboratorio che l’attrice condurrà a San Giorgio di Piano intorno alla figura di Giulietta Masina, che proprio a San Giorgio di Piano è nata; Anna Amadori e Maurizio Cardillo per un nuovo omaggio agli scritti di Roberto Roversi con Biancaneve notturna.

Vittorio Franceschi è protagonista speciale di Agorà con “Dietro il teatro il mondo. Territori diversi percorsi da un viaggiatore che si orienta con le stelle”, un omaggio a Vittorio Franceschi e un’occasione unica per riscoprire testi e autori della tradizione teatrale italiana attualmente poco rappresentati. La rassegna si compone di quattro appuntamenti: Vittorio Franceschi legge Saramago; Il reduce. Parlamento de Ruzante che iera vegnù de campo; Monologo in briciole su testi di Cesare Zavattini; Teatro, mistero, poesia, pensiero. Vittorio Franceschi legge Leopardi, Gramsci, Melville e Thomas Mann.

Agorà riserva uno spazio importante anche alle proposte musicali con il concerto dei Tolga During Quartet, un omaggio al musicista Mario Maccaferri; un appuntamento musicale della nuova produzione di Atti Sonori Il barbiere a fumetti con l’Orchestra del Baraccano e infine il Galà in musica per Santo Stefano con i cameristi del Premio Alberghini.

La stagione si chiude con un gran finale: il Ballo letterario, un progetto speciale che convoca cinque tra gli autori e autrici più importanti e interessanti del teatro e della letteratura italiana e francese nella meravigliosa cornice delle scuderie di Villa Talon, che verranno eccezionalmente aperte al pubblico. Compongono il Ballo Letterario: Fabrice Melquiot (ideatore del Ballo letterario), Ermanno Cavazzoni, Marco Martinelli, Grazia Verasani e Magdalena Barile.

Una festa del teatro all’interno di uno scenario magico, per condividere, a passi di danza e insieme, artisti e cittadini, l’energia del palcoscenico.

Dal 6 ottobre al 26 maggio, vari luoghi, info: www.renogalliera.it/agora www.associazioneliberty.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here