Al via il terzo e ultimo weekend di BIM!, il Festival multidisciplinare dedicato alla cultura e all’arte contemporanea per bambiniragazzi e famiglie, il cui obiettivo è quello di creare occasioni di incontro tra l’arte contemporanea e l’infanzia. Il Festival, curato da Katrièm Associazione, continua il suo calendario di appuntamenti nelle giornate di sabato 28 e domenica 29 ottobre. Il programma prevede da un lato il termine del convegno-laboratorio per adulti, insegnanti ed educatori incentrato sui temi dell’educazione, presso la libreria Ubik di Cesena, dall’altro  alcuni laboratori per bambini e incontri con specialisti.

Con queste due giornate si esaurisce l’appuntamento per gli adulti, i genitori, gli insegnanti e gli educatori a cui è indirizzato il convegno-laboratorio dal titolo “Dateci tempo. Per una pedagogia del tempo naturale” che propone una riflessione sul senso dell’educazione, sulle pratiche educative del maestro Gianfranco Zavalloni e sull’importanza del libero movimento per la crescita dei bambini. L’incontro di sabato 28 ottobre si terra presso la sala Morellini del Teatro Bonci in presenza di Amico Dolci che racconterà la sua esperienza al centro educativo di Mirto e la “struttura maieutica reciproca” proposta da suo padre, Danilo Dolci (dalle 15.30 alle 18.30). Il suo lavoro è teso alla riflessione e alla pratica educativa, ripartendo dalla comunicazione, sperimentando la maieutica come processo educativo e sociale.  Ad affiancarlo nel racconto la storica dell’arte Giulia Crisci, specializzatasi sull’utilizzo dell’arte per diffondere la cultura anti-mafia. Ultimo appuntamento, domenica 29 ottobre dalle 10 alle 13 presso la Liberia Ubik, insieme agli architetti e designer Laura Negrini e Carmelo Baglivo che proporranno una riflessione sulle capacità di uno spazio di stimolare le possibilità di movimento dei bambini. Per l’occasione verranno presentanti alcuni progetti realizzati dallo studio, nei quail l’ambiente scolastico è percepito come uno spazio da cui il movimento nasce e si propaga invitando a muoversi in autonomia.

Tra gli atri appuntamenti, quello di sabato 28 ottobre dalle ore 20.30 alle 22.30 presso il Museo di Scienze Naturali, proporrà il laboratorio “La Città che si Muove” curato da Laura Negrini e Carmelo Baglivo  che prevede la creazione di un paesaggio narrativo basato sulla relazione tra digitale e analogico. I partecipanti sperimenteranno la trasformazioni dei contesti attraverso il movimento, disegnando nuovi paesaggi modificando unicamente la scala degli oggetti. In contemporanea, spostandosi presso la Galleria ex-pescheria si potrà partecipare all’atelier “Occhi aperti. Occhi chiusi”: Katrièm Associazione guiderà i bambini in un percorso narrativo alla scoperta delle opere e delle installazioni di BIM! all’interno della mostra “Diversitàttaratà”.

A chiudere defininitivamente il Festival, domenica 29 ottobre dalle ore 15.30 alle ore 18.39 presso il Teatro Bonci di Cesena, saranno una serie di installazioni e percorsi narrativi per imparare a vivere lo spazio del teatro in modo diverso e ludico. Sono tre le attività proposte che insieme daranno vita a un percorso: “L’ora Magica” installazione narrativa di Silvia Costa; “La raggion der perché” installazione interattiva di Simone Memè e Giulio Pernice con introduzione narrativa di Valentina Pagliarani e suono a cura di Glauco Salvo; “Animali diversi” percorso narrativo a cura di Neera Pieri. Attraverso questo percorso per gli spazi del teatro I bambini potranno fare la conoscenza di un misterioso personaggio fatto di sola luce, di un bosco fitto dove muovendosi si potrà diventare animali e di un luogo curioso in cui immergersi per scoprire la diversità in modo ludico.

Sabato 28 e domenica 29 ottobre, BIM!, Cesena – info: katriem.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here