Un gradito ritorno alla Galleria De’ Foscherari. Parliamo di Eva Marisaldi, che presenta Surround, un nuovo progetto inedito in cui l’artista bolognese si muove mescolando i media tra disegno, prelievo oggettuale, sound design e immagini animate. Al centro di Surround, la scelta di Marisaldi di far interagire tra loro livelli spaziali e concettuali differenti – l’Alto, il Basso, l’Intermedio – costruiti su frammenti e suggestioni del mondo.

Il Basso, ovvero il pavimento, ospita gli postati, scatole di cartone modificate con cartapesta, come fantasmi di oggetti “senza fissa dimora”; l’Alto è inteso come una scultura mobile che dal soffitto della galleria si propaga come un’onda rimbalzando nello spazio, una lunga lisca in movimento che ricorda il volo degli uccelli di una cronofotografia. E poi c’è l’Intermedio, una serie di quattro disegni che gira l’intera galleria e che presentano immagini di laghi (tratti da “Il Coltello nell’acqua”), paesaggi di carta, uccelli, persone e mezzi sovraccarichi di oggetti ingombranti e coreografici.

Marisaldi ci regala una mostra intima e scenografica allo stesso tempo, corredata da una serie di appuntamenti con cui la galleria De’ Foscherari ha scelto di presentare un focus sulla sua importante produzione video.

Fino al 31 dicembre 2017

Info: defoscherari.com

(l.r.)

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.