Dal 13 al 16 dicembre 2017 la Valle del Conca e in particolare i Comuni di San Giovanni in Marignano, Montescudo – Monte Colombo e Saludecio ospiteranno il BUS THEATER, un grande bus a due piani, un teatro a motore itinerante.

Al suo interno, l’omonima Compagnia napoletana darà vita allo spettacolo BUS’ ROOMS. VITA, MORTE E ORACOLI, un viaggio per pochi intimi nelle segrete stanze del bus – Produzione originale Bus Theater.

 

La prima tappa di questo mini tour in Valconca è prevista mercoledì 13 dicembre a San Giovanni in Merignano in piazza Silvagni a partire dalle ore 15:00; giovedì 14 dicembre il Bus approda a in Via Borgo Malatesta a partire dalle ore 16:00 e sabato 16 dicembre, sarà invece a Saludecio nella Piazza Gioco del pallone dalle ore 15:30.

 

5 le repliche previste per ogni luogo, della durata di 30 minuti a partire dagli orari indicati con una pausa di 15 minuti fra l’una e l’altra. Causa posti limitati (12 persone per replica) è consigliata la prenotazione. L’Ingresso è gratuito e lo spettacolo è adatto a tutte le età (i bambini al di sotto dei 6 anni entrano accompagnati da un adulto).

 

Aprendo la fiancata il bus diventa un vasto boccascena per offrirsi a un pubblico numeroso, proponendo spettacoli di teatro, teatro di strada, musica, nuovo circo, altri progetti nel campo dell’arte e della cultura. Il Bus Theater nasce come mezzo per realizzare progetti culturali anche nei luoghi non battuti dai circuiti tradizionali, portando così spettacoli al più vasto pubblico, nei centri storici come nelle zone periferiche delle città o nelle campagne, in località di alto interesse storico/artistico.

 

Accompagnati da una sorta di Caronte dei luna park, padrone di casa/maggiordomo o novello munaciello della più classica tradizione napoletana, i 12 spettatori di Bus’ Rooms. Vita morte e oracoli si ritovano in uno spettacolo che li trasforma in ospiti di una vecchia casa teatro di cui, a poco a poco, scoprono le stanze e gli spiriti che la abitano. Un viaggio per pochi intimi fra reliquie di amori perduti, illusioni di prestigiatori ubriachi, letture di tarocchi che suonano come parole del destino per l’ospite prescelto e  una continua, beffarda ed ironica presenza della morte. Il serio e il faceto, il sacro e il profano, l’alto e il basso, la verità dell’esperienza e la finzione scenica si mescolano, in pieno accordo con lo spirito della città di Napoli e della sua lingua, di cui lo spettacolo è intriso.

 

Dal 13 al 16 dicembre, vari luoghi, info: www.reteteatralevalconca.it , info@reteteatralevalconca.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here