C’è un albero da frutto che fiorisce nel cuore dell’inverno, mentre quasi tutto intorno è spoglio e addormentato. Conosco bene quest’albero perché è accanto alla mia casa, di fronte alla finestra della cucina: in questi giorni la sua chioma si è riempita di fiori bianchi, attirando mille api, bombi e farfalle… il nespolo giapponese annuncia la primavera quando è ancora di là da venire. Eriobotrya japonica, questo è il suo nome scientifico, è una rosacea come il nespolo comune, ma non va confuso con quest’ultimo; il nespolo del Giappone è sempreverde, ha foglie più grandi e consistenti, e tutte le parti non legnose delle pianta sono coperte da una fitta peluria bianca: “eriobotrya” significa infatti “grappolo peloso”, ed è appunto questa peluria, che contiene una sostanza antigelo, a consentire ai fiori di resistere a temperature di poco inferiori allo zero. Le numerose varietà italiane provengono dalla Sicilia e dalla Campania, dove è ampiamente diffuso, mentre al nord è coltivato soprattutto come pianta ornamentale proprio perché le gelate possono danneggiare i fiori impedendo la formazione dei frutti. Il nespolo di casa nostra, anche se in posizione protetta e soleggiata, non dà frutti ogni anno. I frutti, simili ad albicocche per colore e dimensioni, maturano tra maggio e luglio a seconda delle varietà; hanno sapore acidulo e lievemente dolce e si consumano freschi, mentre dal succo fermentato e distillato si ottiene un kirsch dal gusto particolare, e dai semi un liquore amorognolo (nespolino).

Il nespolo giapponese fu introdotto in Europa alla fine del Settecento, nei prestigiosi giardini botanici di Londra e Parigi; nei nostri giardini non è più considerato una specie esotica, eppure conserva un certo fascino. È un albero che consiglio di piantare per vari motivi: non è molto delicato, tollera la siccità, può essere potato in varie forme, attira gli insetti utili… Se poi non darà frutti, pazienza!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here