Ad Reinhardt, Untitled, 1943
 Pubblicato in PM (newspaper), 23 aprile, 1943
 Inchiostro, matita e tempera su carta montato su carta
 11.1 x 13.3 cm
 © 2015 Estate of Ad Reinhardt / Artists Rights Society (ARS) New York Courtesy of David Zwirner, New York/London/Hong Kong

Si inaugura il prossimo venerdì, 9 marzo, alle ore 18.00 la grande mostra che la Galleria Civica di Modena dedica Ad Reinhardt. Arte + Satira, celebre interprete del minimalismo americano. Diana Baldon, direttrice della nuova Fondazione Modena Arti Visive e curatrice della mostra, ha scelto di portare nel capoluogo emiliano una delle produzioni meno conosciute dell’autore dei black paintings, ovvero le sue opere satiriche, un nucleo di circa 250 lavori su carta e proiezioni di diapositive scattate dall’artista in 35mm che raccontano la vena più irriverente e politicizzata della sua produzione.

Ad Reinhardt, How to Look at a Cubist Painting, 1946 pubblicato in PM (quotidiano), 27 gennaio, 1946

Pagina di quotidiano a stampa
 34.6 x 28.9 cm © Estate of Ad Reinhardt / Artists Rights Society (ARS), New York
Courtesy David Zwirner, New York/London/Hong Kong

Ad Reinhardt (Buffalo, 1913 – New York, 1967) si avvicina fin da bambino al fumetto e alla pittura. Il primo nucleo di vignette satiriche risale agli anni trascorsi lavorando per la Federal Art Project, circa 3.000 sketch e illustrazioni per copertine che tra gli anni Trenta e Quaranta del Novecento, apparvero su numerose pubblicazioni americane.La collaborazione più importante fu quella per il quotidiano PM a partire dal 1943, dove Reinhardt ha realizzato le caratteristiche vignette-collage che uniscono elementi disegnati a mano a ritagli da libri di seconda mano, una tecnica inusuale mai apparsa prima sui quotidiani. Di questo suo impegno ne rimane traccia in mostra nella celebre serie di How to Look (1946), utilizzata dall’artista come piattaforma per difendere la nuova arte astratta in America. Attraversi i suoi fumetti, Reinhardt ironizza sul ruolo dell’intrattenitore pronto a spiegare tutto, critica diretta soprattutto ai colleghi artisti.

Ad Reinhardt, Untitled, 1940 Published in New Masses, December 17, 1940  Ink, colored pencil, and gouache on paper
 8.9 x 9.5 cm © Estate of Ad Reinhardt / Artists Rights Society (ARS), New York Courtesy David Zwirner, New York/London/Hong Kong

Sempre a Modena ritroviamo una preziosa testimonianza di quelle 12.000 immagini fotografiche con cui Ad Reinhardt documentava i suoi viaggi in giro per il mondo, a partire dal 1952, presentate in occasione dei suoi leggendari Non-Happenings. Stupefacenti e imprevedibili sequenze, era riunite in conferenze visive, che Reinhardt utilizza nelle sue lezioni di storia dell’arte al Brooklyn College come parodia umoristica del diario di viaggio dell’artista. Un lavoro, questo, che conferma il pensiero di Reinhardt, la sua volontà di allargare la nozione corrente di quale sia, e di quale possa essere, il dominio estetico dell’arte.
La mostra Ad Reinhardt. Arte + Satira è realizzata in collaborazione con Ad Reinhardt Foundation, New York, e Mudam Luxembourg, e con un ringraziamento particolare a David Zwirner, New York/London/Hong Kong.

 

Dal 10 marzo al 20 maggio 2018

Ad Reinhardt. Arte + Satira

 

Galleria Civica di Modena
Palazzo Santa Margherita (sala grande), corso Canalgrande 103 – Modena
Palazzina dei Giardini, corso Canalgrande – Modena

 
Orari da mercoledì a venerdì 10.30-13.00; 16.00-19.00; sabato, domenica e festivi 10.30-19.00; lunedì e martedì chiuso

Ingresso gratuito

Info: www.galleriacivicadimodena.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.