Da venerdì 9 a domenica 11 marzo arriva a San MarinoThe School of Radio”, un festival di tre giorni dedicato alla Radio Art. Il programma prevede una serie di incontri, workshop, installazioni sonore, mostre, dirette radiofoniche e performance dislocate in diversi luoghi, dall’Antico Monastero di Santa Chiara, al Teatro Titano fino ad occupare gli spazi di Usmaradio con l’obiettivo di dare vita a un ambiente totalmente immersivo.

L’iniziativa prende spunto da Il treno di John Cage che 40 anni fa ha portato nell’immaginario comune la creazione di uno studio di produzione sonora itinerante: grazie a The School of Radio sarà possibile ascoltare le testimonianze di coloro che allora hanno partecipato e riflettere sull’enorme progetto arrivato fino ai giorni nostri. Altro grande punto di partenza per il nuovo evento è il festival radiofonico L’Arte dell’Ascolto, che per anni ha portato in Italia alcuni tra i più innovativi artisti internazionali e che 20 anni fa ha dato luogo alla sua ultima edizione.

A partire da questi due riferimenti, The School of Radio dà vita a una riflessione sull’importanza degli studi di ricerca sonora e musicale all’interno delle radio. Per farlo il festival si serve di diverse installazione sonore dislocate negli spazi dell’Antico Monastero Santa Chiara a cura di artisti come Anna Friz, Paolo Inverni, Robert Lippok, Scanner, Soundwalk Collective e Michele Spanghero, nonché di spettacoli serali, quali il concerto dei Mokadelic (venerdì 9 marzo) e la performance di Cagetown (sabato 10 marzo).

A questi si aggiungono un’installazione fotografica Everydayjohncage Picture a cura di Roberto Masotti esposta in uno spazio pubblico dal 9 marzo al 9 aprile 2018, e una serie di laboratori di e con Enrico Malatesta quali  Esercizi Rudimentali, Ascolto attivo, Relazione tra suono spazio e corpo in movimento, Vitalità dei materiali e Tecnologia Audio.

Accanto ai workshop si terranno anche delle conferenze insieme ad alcuni esperti. Sabato 10 marzo sarà il turno di “Studiare la radio. Interfacce, interazioni, desideri, tecnologie, ascolto, hacking” insieme a Roberto Paci Dalò, Tiziano Bonini, Ilaria Gadenz, Carola Haupt, Stefano Luca, Leonardo Montecchi, Michele Selva e Michele Zannoni. Il giorno seguente si parlerà invece di “Il treno di John Cage e i laboratori sonori sperimentali delle radio” con Laura Zattra, Franco Masotti, Roberto Masotti, David Monacchi, Oderso Rubini, Andrea Borgnino, Rita Canarezza, Gabriele Frasca, Andrea Lawendel, Iolanda Pensa e Karen Venturini, nonché di “Radio Art, Sound Art, Soundscaping” insieme a Elisabeth Zimmermann, Knut Aufermann / Sarah Washington, Emiliano Battistini, Reni Hofmüller, Enrico Malatesta, Fabio Mina, Nathalie Singer.  A chiudere il ciclo di conferenze saranno le “Storie di radio” raccontate da Lia Fiorio / Radio San Marino, Marzia Fraternale / Radio Talpa, Gianni Gozzoli / Radio Sonora, Marta Tomasicchio / Radio Icaro ed Elisabeth Zimmermann / ORF Kunstradio.

Il festiva si pone anche come occasione per presentare la Scuola di Radiofonia situata presso gli spazi dell’Università degli Studi della Repubblica di San Marino. I programmi scolastici prevedono laboratori, sessioni di lavoro, incontri e radio performance, volti alla formazione di una generazione di nuovi artisti, tecnici e studiosi, che vivono la radio come spazio espositivo e museale e che non abbiano il timore di entrare a far parte del mondo del web, inteso come nuovo canale per la nuova radio.

Da venerdì 9 a domenica 11 marzo, The School of Radio, Antico Convento Santa Chiara – Teatro Titano – Usmaradio San Marino – info scuoladiradiofonia.tumblr.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.