foto di Francesco Spagnuolo

Il terzo capitolo della Trilogia dell’assenza, Andrej – l’assenza di sé, di Francesco Chiantese, debutta in prima nazionale domenica 25 marzo alle ore 21 presso Cajka Teatro di Avanguardia Popolare di Modena. Lo spettacolo si propone come omaggio al grande pittore russo e santo protagonista vissuto a cavallo tra il XIV e il XV secolo, Andrej Rublëv, e al cineasta che a lui dedicò un film nel 1966, Andrej Tarkovskij.

Questo terzo capitolo del progetto teatrale di Francesco Chiantese si prefigura come studio sull’assenza, questa volta sperimentata nella sua raffigurazione del divenire. Quanto l’artista deve essere in grado di scomparire per riuscire a mostrare qualcosa che normalmente non siamo capaci di vedere? Andrej avanza così sul palco quasi arretrando e risponde alle domande con ulteriori domande. Il protagonista cerca sempre di stare nello spazio e nell’attimo che precede l’atto, lasciando quasi tutto incompiuto. Andrej Rublëv viene così proclamato  santo nella religione ortodossa per la sua capacità di creare delle icone che sono in se stesse delle divinità. Ma qual è il confine sottile che distingue tra blasfemia e ricerca del sacro? E quale relazione esiste tra la rottura degli schemi e le certezze date dai maestri?

Il pittore santo Andrej Rublëv arriva sul palco direttamente dalle pagine di Tarkovskij e dalle teorie di AntoninArtaud, incarnandosi nella persona di Francesco Chiantese che utilizza la parola ed il gesto dell’attore come «astanti» di una visione intima e interiore.

Andrej – l’assenza di sé è il primo di una lunga serie di spettacoli appartenenti alla sezione di anteprima della rassegna ‘Iconoclastie’ a cura di Riccardo Palmieri, nel corso della quale saranno presentati i lavori degli artisti e delle compagnie che hanno lavorato in residenza artistica presso Cajka Teatro d’Avanguardia Popolare.

Domenica 25 marzo, ANDREJ – l’assenza di sé, Cajka Teatro d’Avanguardia Popolare Modena, ore 21 – info: posta@teatrodeisintomi.it, cajkateatro@gmail.comfacebook.com/cajkateatro

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here