Sleeping Beauty

Sabato 17 marzo, alle ore 21.15, al Teatro della Regina di Cattolica si presenta l’occasione più che unica di riscoprire il grande coreografo russo Leonid Yacobson grazie allo spettacolo Capolavori del Balletto Russo interpretato dalla compagnia Yacobson di San Pietroburgo, che attualmente sta facendo il giro d’Italia per omaggiare il famoso coreografo.

L’esibizione è caratterizzata dall’unione di classico, rappresentato da una serie di pas-de-deux, tipici dei balletti del XIX, e moderno. In questo modo lo spettacolo riesce anche a raccontare la storia del balletto, raccogliendo in se due secoli di tecniche e ispirazioni. A rappresentare il XIX secolo saranno i famosissimi pas-de-deux de Il lago dei cigni di Petipa/Ivanov e di La bella addormentata da Čajkovskij/Petipa. Si entra invece nella modernità del XX secolo grazie alle coreografie di Mikhail Fokine, Vasilij Vajnonen e Konstantin Sergeev, portando in scena Les Sylphides, il fascino del popolare Lo Schiaccianoci, l’energia e la perfezione stilistica de Le fiamme di Parigi, il fantastico pas-de-deux de La fata delle bambole.

Buona parte del XX secolo è però dedicata all’opera di uno dei coreografi più importanti del Novecento, oggi considerato un vero e proprio maestro, Leonid Yacobson. La compagnia porta sul palco quattro delle sue miniature coreografiche quali Pas de quatre su musica di V. Bellini, Valzer Viennese su musica di J. Strauss, Sextet su musica di W. A. Mozart e Baba Yaga su musica di M. Musorgskij. Le miniature sono la cifra caratteristica del Maestro: si tratta di una tipica forma di balletto russo, breve ed estremamente espressiva, che nel corso della sua carriera Yacobson ha rivoluzionato. Il coreografo ha dato vita a una nuova forma di balletto, vario e originale, che si unisce alle altre arti, quali la scultura, la pittura, la poesia, ma anche agli eventi storici, alla mitologia, al folklore, alla vita e alle discipline come lo sport, le danze nazionali, i balli da sala.

Tale percorso è frutto di una continua ricerca di nuovi mezzi e forme di espressione che hanno fatto di Leonid Yacobson un brillante coreografo e gli hanno permesso di passare passato alla storia come il Maestro delle miniature coreografiche. Sempre partendo dalle basi classiche acquisite nel corso dei suoi studi presso la Scuola del Teatro Kirov di Leningrado, Yacobson ha saputo dare nuova vita al balletto, orientandolo verso forme estetiche d’avanguardia e sperimentali. Nonostante il suo lavoro non venisse apprezzato da tutti in Unione Sovietica, il coreografo non ha mai spesso di sperimentare e nel 1969 è riuscito finalmente ad avere una propria troupe, le Miniature Coreografiche. Dopo la sua scomparsa, appena 7 anni dopo, il suo amico Askold Makarov ha preso le redini della compagnia con il nome Balletto Yacobson di San Pietroburgo, viva ancora oggi e diretta da Andrian Fadeev.

Sabato 17 marzo, Capolavori del Balletto Russo, Teatro della Regina Cattolica, ore 21.15 – info: www.teatrodellaregina.it, facebook.com/teatrodellaregina, 0541/966778  – e-mail: info@teatrodellaregina.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.