Maggio è iniziato da poco e con lui finalmente arriva anche La Musica nelle Aie – Castel Raniero, dal 10 al 13 maggio – che dà il via al Maggio Faentino, vale a dire cinque eventi che hanno scelto di unirsi per dar maggior voce al territorio attraverso l’incontro tra musica, arte, sport, cultura e enogastronomia.

La Musica nelle Aie, ancora più di tutte le altre iniziative, raccoglie al suo interno tutti gli elementi del Maggio Faentino, cercando di creare uno spazio per ogni tipo di attività. A fare da protagonista assoluta sarà ovviamente la musica, a partire da quella folk nell’accezione più ampia del termine, che per l’occasione presenta una ricca quantità e varietà di proposte.

Giovedì 10 maggio il programma de La Musica nelle Aie si aprirà con l “Scola ad Folk”, un gruppo formato da un centinaio di ragazzi che daranno il via alla Festa. Ad affiancarli ci saranno le sonorità meridionali dei Taranterrae. Venerdì 11 maggio protagonisti del palco saranno invece i vincitori dell’edizione precedente, Mi Linda Dama, seguiti dai mediterranei Malanova. La giornata di sabato 12 maggio inizierà all’alba con il concerto di corni delle alpi suonati dall’Ensemble Naturto. Seguirà il concerto de L’Istrice, i secondi vincitori dell’edizione 2017, che animeranno al serata insieme agli Ambrogio Sparagna & Orchestra Popolare Italiana, mentre l’orario d’aperitivo sarà accompagnato dalle musiche e dai balli di Folk Notes. La musica sarà protagonista assoluta della giornata di domenica 12 maggio quando nel pomeriggio i partecipanti potranno godere della compagnia di diversi gruppo che si esibiranno  nelle postazioni a loro assegnate lungo un percorso ad anello di 5 km, per contendersi le Trofle, simbolo dei Premi Musica nelle Aie Interpreti e Autori. A chiudere il programma musicale della festa sarà il concerto blues introspettivo di Vince Vallicelli, accompagnato dal virtuosismo di talentuosi musicisti, preceduto dai Duo Trabadel e dalla presentazione del videoclip di “Gumbarera”.

Ma sono solo musica. La Musica nelle Aie è anche sport con la 41a Classicissima, podistica di 11 km su e giù per le colline attorno a Castel Raniero che si terrà nella giornata di sabato. Non mancheranno però anche attività per i meno atletici, grazie alla presenza di varie passeggiate didattiche previste durante i quattro giorni della Festa o grazie alla presenza dello stage di Yoga in programmazione sabato a Villa Orestina, senza dimenticarsi della tradizionale Passeggiata Faentina di domenica pomeriggio.

La Musica nelle Aie è però anche arte e cultura che trovano spazio a Villa Orestina con la mostra fotografica “Se queste mura potessero parlare” dedicata alle case rurali nel paesaggio romagnolo. Spazio anche alla letteratura con la presentazione di due libri legati alla cultura musicale romagnola: Romagna Balerina di Gianni Siroli e Cantì, Balì, Burdel!, audiolibro per bambini con la canzoni dialettali e non di Quinzan (sabato 12). Domenica mattina sarà presente anche la Scuola di Cucina Romagnola che proporrà l’Associazione “Il Lavoro dei Contadini”. Infine, lo Stage di Pizzica verrà gestito dall’Associazione “Amici della Tammorra” (domenica 13).

Ed infine, l’enogastronomia: il grande stand gastronomico  presente in tutte le quattro giornate della Festa sarà capace di soddisfare tutti i palati grazie a un fornito menù romagnolo, con la possibilità anche per i vegetariani e i celiaci di assaporare piatti gustosi adatti alla loro dieta. Nelle giornate di sabato e domenica saranno presenti anche altri stand gastronomici.

Il programma de La Musica nelle Aie

Dal 10 al 13 maggio, La Musica nelle Aie, Castel Raniero Faenza – info: musicanelleaie.it, facebook.com/pages/La-Musica-nelle-Aie, apscastelraniero@musicanelleaie.it, info@musicanelleaie.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.