Alessandro Roma: Vertigo Walking on the edge of the tone. Al MIC di Faenza

0
241
Alessandro Roma, Untitled, ceramica, 2017,61 h x 30 cm D. max, courtesy artista

In occasione della 14esima Giornata Internazionale dell’arte contemporanea indetta da AMACI il 12 settembre il MIC di Faenza presenta un progetto speciale, un solo show dedicato ad Alessandro Roma (Milano, 1977) a cura di IreneBiolchini, tra i maggiori interpreti della nuova generazione di artisti italiani. “Vertigo. Walking on the edge of the tone” è una mostra che nasce dopo un anno di inteso lavoro in cui l’artista milanese ha avuto modo di vivere, conoscere e studiare a fondo le collezioni del Museo Internazionale delle Ceramiche di Faenza, dando vita ad otto nuove opere in ceramica, realizzate all’interno dei laboratori che furono fondati da Bruno Munari.

Alessandro Roma, scatto delle opere realizzate durante la lavorazione delle opere nei laboratori del MIC di Faenza

«All’interno del programma di mostre dedicate al contemporaneo, inaugurato già nel 2011 e in cui gli artisti venivano chiamati per costruire un dialogo con la collezione del museo – ha dichiarato la curatrice della mostra – Vertigo apre ad una nuova metodologia in cui il Museo non è solo ospite, ma parte integrante della costruzione progettuale dell’intervento. Nel corso dell’anno di costruzione della mostra, infatti, Alessandro Roma ha dialogato con il personale del Museo, ha esaminato l’archivio fotografico, esplorato i depositi, passeggiato tra le vetrine e consultato i volumi unici della biblioteca. In altri termini, l’artista ha avuto accesso alle numerose risorse scientifiche ed operative del MIC di Faenza che rimane un caso unico all’interno della scena mondiale per vastità geografica e cronologica delle collezioni».

Alessandro Roma, Forms in transition, 2018, colour, bleach on cotton, 201×279 cm, courtesy Artist Ph Matteo Zarbo, Courtesy Artista

Accanto alle nuove produzioni, in mostra troveranno posto le grandi stoffe dipinte da Roma nell’ultimo anno «dando vita a un allestimento che amplifica la forza cromatica delle ceramiche ed espone lo spettatore ad un labirinto pittorico in cui perdere l’orientamento».

Dal 12 settembre al 21 ottobre 2018

MIC Museo Internazionale delle Ceramiche di Faenza, viale Baccarini 19, Faenza (Ra). Orari: dal martedì alla domenica e festivi 10-19. Chiuso i lunedì non festivi. Info: micfaenza.org

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.