Maria Cristina Balestracci

Un travelogue, un diario di bordo, un brogliaccio e un bilancio emozionale del cammino di Maria Cristina Ballestracci, artista della rinascita perpetua il cui impegno conta diverse stagioni di messa in opera strenua e appassionata e giunto ora nel mezzo del suo destino. Questo è l’appuntamento di quattro giorni di “Oltrepassi 201 off – Passi dall’abbandono alla rinascita” che sboccerà dall’8 all’11 novembre nello scenario dell’ex Consorzio agrazio di Santarcangelo, un teatro fatto di spazio e di tempo impastati con la chimica dell’estasi lavoristica, i cui muri narrano una storia di umiltà e tenacia che sono ingredienti basici dell’opera di Maria Cristina Ballestracci. Nelle camere d’aria mistiche dei capannoni dell’ex Consorzio Agrario, l’artista di Santarcangelo raduna tutti gli innumerevoli sogni e segni del suo passato e presente – le mostre Manifesta, Relitti, Nidali, I 28 giorni della luna rossa fino al suo ultimo lavoro artistico Oltrepassi 201, che ha fatto tappa anche a Matera, capitale europea della cultura 2019 – per dichiarare a se stessa e a tutti coloro che la seguono quale sia lo stato dell’arte, la sua ma anche quella del resto del mondo che la circonda, perché è proprio il mondo che la circonda, nella sua stasi cinetica dell’abbandono e del rinascimento, l’inchiostro sincretico, sanguigno, onirico e febbrilmente realistico della sua opera. In questa quattro giorni di arte e passione Maria Cristina chiama a sé le opere e le persone che l’hanno fin qui accompagnata, in una happening che racchiude le diverse forme d’arte che il mondo ha a sua disposizione per esprimere lo spirito del tempo. Così dai magazzini dell’ex Consorzio agrario di Santarcangelo passeranno musicisti (Il fisarmonicista Carmine Ioanna impegnato in una masterclass a ciclo continuo), ballerini (grazie al flamenco gioiosamente gitano di Simona Ruzza), poeti (tantissimi i reading nel menu sia giovedi 8 che domenica 11 novembre) e altri artisti coi loro relativi lavori. Ma ci sarà spazio anche per il confronto dialettico, con gli interventi in una tavola rotonda il 10 novembre alle 11 di giornalisti (Maria Concetta Mattei e Giovanna Greco della Rai) e politici (l’assessore regionale al bilancio, Emma Petitti e il sindaco di Santarcangelo, Alice Parma). E nello sfondo, ma sempre in un primo piano possente e lieve, non mancherà una narrazione olfattiva, con le essenze naturali di Giorgia Strada.

Giovanna Greco

8-11 novembre, Santarcangelo di Romagna, Officina dei Sensi. Passi dall’abbandono alla rinascita, EX Consorzio Agrario, via Sant’arcangelom 421, orari vari. Info: 339 8790700, www.mariacristinaballestracci.com
www.oltrepassi201.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.