Fiorenza Pancino. La butterò sul surreale

0
218
Giotto mi parla, io ascolto 2019, smalti su faenza, maiolica, tessuto e ferro/ glazes, faenza, majolic, textile and iron

La Galleria Comunale d’Arte di Faenza presenta a partire da venerdì 29 marzo “La butterò sul surreale” mostra personale di Fiorenza Pancino, a cura di Irene Biolchini, che torna ad esporre nella cittadina romagnola a quasi dieci anni di distanza dalla mostra ospitata da Banca di Romagna e alla vigilia di altri importanti appuntamenti per la sua carriera, come la residenza in dicembre al Museo MACRO di Roma.

Veneta, classe 1966, da oltre vent’anni Fiorenza Pancino ha scelto Faenza come città di residenza mossa dall’interesse del mezzo ceramico come materiale eletto di espressione accanto anche ad altri medium come il video, la fotografia, la carta e il tessuto. La sua è una produzione che nasce libera seguendo un flusso continuo di mente e cuore, un percorso di vita oltre che di lavoro affrontato con un atteggiamento che l’artista sintetizza in queste parole, riportate anche nel comunicato che accompagna la mostra: “Se ti conosci bene accedi liberamente, senza censura, al luogo della fantasia. In questo luogo io credo ci sia tutto: i tuoi ricordi, i pensieri, le emozioni, il tuo vissuto famigliare, il desiderio, la musica e gli artisti che ami, il cinema e letture che hai fatto, la natura con la sua bellezza, tutte le paure e le gioie della tua vita, il sogno e l’immaginazione. Non saprei dire dove inizia o finisce il mio vissuto, o quanto sia fantasia”.

Unconscious boxes 2018/2019, colori e smalti su maiolica, oro, legno e colori acrilici/ glazes and
cold paint, faenza, gold, wood and acrylic © Chiara Casanova

Quella di Pancino è un’arte che sintetizza nel mezzo ceramico la vita di tutti i giorni, in forme in cui convivono contrasti e ironie del quotidiano e da cui il titolo stesso della mostra “la butterò sul surreale”. Tanti gli appuntamenti che animeranno la mostra, eventi realizzati in collaborazione con realtà faentine come Round Table, Rotaract, Compagnia Iris, Ivana Anconelli, S. Umiltà e alcune scuole elementari, e dedicati a pubblici speciali, in un progetto di coinvolgimento del territorio, e di incontri con l’artista, volto anche alla raccolta di interviste ai visitatori. A tutti i visitatori Fiorenza chiederà di esprimere con una parola la suggestione ricevuta dal colore preferito fra i nove rappresentati delle opere esposte: Nero, Rosso, Bianco, Giallo, Rosa, Azzurro, Grigio, Verde e arcobaleno. La raccolta e la rielaborazione di queste parole sarà oggetto di una azione condotta da Fiorenza Pancino in occasione del finissage, il prossimo 14 aprile.

Dal 29 marzo al 14 aprile 2019
Faenza, Galleria Comunale d’Arte, Voltone Della Molinella, 2. Orari: Lunedì / Venerdì dalle 16,30 alle 19,30 Sabato / Domenica, dalle 10 alle 12 e dalle 16,30 alle 19,30. Ingresso gratuito

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.