Opentour 2019. L’Accademia di Belle Arti si mette in mostra

0
228

Mostre, spettacoli, performance: dal 17 al 22 giugno torna l’Opentour, la settimana della festa dell’arte organizzata dall’Accademia di Belle Arti di Bologna in collaborazione con le più importanti Istituzioni e gallerie cittadine. Decine di appuntamenti per festeggiare il quinto anno di una manifestazione che riscuote sempre più interesse e successo di presenze. Con l’appuntamento di Opentour alla fine dell’anno di lezioni l’Accademia apre le sue porte alla città e offre al pubblico l’occasione di scoprire i risultati dell’attività creativa di studenti e docenti. Con una proposta che non si
limita alle aule, ma “invade” numerose altre sedi cittadine, in collaborazione con
diverse realtà e istituzioni pubbliche e private.

Si inizia lunedì, 17 giugno al Museo Civico Medievale, in via Manzoni 4 con ESERCIZI DI STILE 5. READY-MAYBE. Una riflessione museografica contemporanea sul ruolo e sulla funzione dei musei del XX e XXI secolo ha dato forma alla happening-exhibition Ready-maybe in cui convergono, di crasi in crisi, i più recenti linguaggi artistici e la tradizione. Il Musée de l’OHM di Chiara Pergola, situato all’interno del museo, è un ready-made divenuto opera attraverso il suo spostamento nello spazio espositivo. Ma è, inoltre, un museo dove in una forma di indecisione o animismo oggettuale si ritrovano a gravitare le opere e le azioni di Ilaria Minelli, Golzar Sanganian, Agata Torelli e Li Zhuwei, studenti dell’Accademia che oltrepassano il diaframma della teca e abitano il luogo con armi piumate, bachi annidati, atti architettonici e morsi pietrificati.

Andrea Galvani, Mostra EX3

Inaugura martedì 18 giugno alle 17.30 la mostra EX3, dedicata agli ex studenti che hanno consolidato nel tempo la loro carriera, e che quest’anno vede protagonisti Andrea Galvani e Andrea Nacciarriti in una mostra a cura di Carmen Lorenzetti all’Opificio Golinelli. Galvani propone una spettacolare installazione composta di sculture al neon, dal
titolo Instruments for Inquiring into the Wind and the Shaking Earth. Nacciarriti
presenta 30 00 30 00 00 [hold on please]: un’opera che scandisce impietosamente il
tempo con il conto alla rovescia, in giorni, ore, minuti, secondi, centesimi di
secondo, fino al termine della mostra. L’esposizione è accompagnata dai workshop
degli artisti che sveleranno agli studenti i segreti del loro successo.

Nella stessa giornata, alle Serre dei Giardini Margherita, alle ore 11, sarà presentata STIAMO LAVORANDO PER VOI, l’esposizione raccoglie i progetti di mostre sviluppati dagli studenti del corso di Comunicazione e Didattica per l’Arte del Triennio e alle 18.30 in via Ugo Bassi 15 saranno svelati i nomi dei vincitori del ABABO OREA MALIÀ LOGO CONTEST, lo storico “tempio del look” bolognese che festeggia 40 anni di attività con un nuovo logo realizzato dagli studenti dell’Accademia.

Mercoledì 19 alle 16.30, MAMbo Museo d’arte moderna di Bologna, Lelio Aiello presenta REN.CON.TRE, il volume che raccoglie testi critici e le testimonianze di trentatré artisti intervenuti, tra il 2007 e il 2017, ai seminari ren.con.tre in Accademia di Belle Arti: un testo che si configura come strumento di ricerca e autorevole rassegna dell’arte e degli artisti attivi in Italia negli ultimi decenni. Segue alle 20.30 nella Sala B del Cinema Odeon CINECLUB ACCADEMIA, proiezione di film, cortometraggi, animazioni e altre visioni multiformi realizzate dagli studenti del corso di Linguaggi del cinema e dell’audiovisivo.

Appuntamento imperdibile è LA NOTTE DELLE GALLERIE, una festa che percorre tutta la città e che coinvolge le principali gallerie d’arte e spazi privati prevista a partire dalle ore 16 giovedì 20 giugno. In parallelo all’iniziativa ritorna per la seconda edizione Art Up | Premio della Critica e dei Collezionisti, promosso e organizzato da Fondazione Zucchelli in collaborazione con l’Accademia e le gallerie d’arte bolognesi, con il sostegno economico di Banca di Bologna e di diversi collezionisti privati. Il Premio Art Up consiste in due distinti riconoscimenti che, dopo una selezione tra le opere esposte dai giovani artisti nella Notte delle Gallerie, verranno assegnati da una giuria di esperti costituita da Lorenzo Balbi, Paola Giovanardi Rossi e Simone Menegoi. La premiazione si terrà nell’Aula Magna dell’Accademia sabato 22 giugno alle ore 19.

E’ QUI ph Luca Bacciocchi

Venerdì 21 e sabato 22 giugno 2019, ore 21, Aula Teatro, via delle Belle Arti 54
THE BEGGAR’S OPERA. Gli studenti dell’Accademia, dopo un lungo lavoro condotto
con i docenti della scuola di scenografia, portano in scena una rivisitazione
dell’Opera del mendicante di John Gay. In Pinacoteca, sabato 22 giugno si svolgerà l’edizione 2019 del Premio Morandi e seguita dall’inaugurazione di È QUI. UN PERCORSO FRA LUOGHI, PERSONE E ARTE a cura di Vanna Romualdi e Nadia Stefanel,
che propone un suggestivo percorso fra immaginario e memoria, restituendo al progetto una nuova sede espositiva in un percorso visivo e sonoro legato al tema: Luoghi / Persone. Il luogo di lavoro come seconda casa e la persona come spazio della memoria e della relazione. Nel progetto di ricerca, dedicato all’abitare, l’archivio dei segni e il patrimonio orale dei ragazzi delle cooperative sociali La Fraternità e Arca di Noè di Bologna sono stati raccolti e rielaborati dagli studenti del Corso di Decorazione per l’architettura dell’Accademia. Prodotto in occasione dell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale (2018), in collaborazione con l’Istituzione Bologna Musei/Musei Civici d’arte antica, il progetto è sostenuto dall’Accademia di Belle Arti di Bologna, dalla Dino Zoli Textile di Forlì, dal Progetto Recooper e dalla Cooperativa Sociale La Fraternità di Bologna.Sarà anche la volta dell’ OPENTOUR ART FEST una non-stop tra Pinacoteca e Accademia.

Dal 17 al 22 giugno. OPENTOUR, Accademia di Belle Arti e luoghi vari a Bologna, per info e programma completo: www.ababo.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.