Giorgio di Palma e le “Ceramiche di cui non c’era bisogno”. Al Museo Carlo Zauli di Faenza

0
193

Si tiene al Museo Carlo Zauli il quinto appuntamento formativo in collaborazione con AICC Associazione Italiana Città delle Ceramiche su progetti contemporanei ed inediti pensati per i ceramisti, in particolare rivolti ai residenti delle Città della Ceramica, tenuto da Giorgio Di Palma (Grottaglie, 1981).

I laboratori che furono di Carlo Zauli, dal 2002 sono teatro di sperimentazioni ceramiche promosse dal museo a lui intitolato attraverso residenze con artisti contemporanei internazionali, e rappresentano il luogo ideale e naturale sul territorio per creare incontri ed esperienze, generare idee innovative, approfondire temi attuali legati al mestiere del ceramista. Dopo i workshop con Paolo Polloniato, Silvia Celeste Calcagno, Francesco Simeti e Chiara Camoni  il nuovo protagonista del progetto è Giorgio Di Palma, artista di Grottaglie che guida i 15 partecipanti in un viaggio fra gli oggetti inutili del laboratorio di Carlo Zauli, mantenendo sempre viva una visione della ceramica che tiene insieme il fare con il pensare, superando le divisioni fra arte, artigianato e design.

Ecco come l’artista spiega il suo lavoro e il progetto. “Sono nato a Grottaglie città della provincia di Taranto dall’antica produzione ceramica. In questo centro la ceramica si è sviluppata a partire dal Medioevo soprattutto per rispondere a necessità e bisogni di natura alimentare. I Capasoni (grandi contenitori destinati a contenere olio e vino) e tanto altro partivano da Grottaglie e arrivavano fino alla Turchia e la Grecia. L’introduzione della latta e della plastica, a partire dagli anni Sessanta, ha segnato l’inizio di una grande crisi nel settore. In quegli anni numerose botteghe del quartiere delle ceramiche di Grottaglie hanno dovuto reinventarsi, cercando di abbandonare il pop (inteso davvero come popolare), per diventare decorative, ornamentali. Il termine dialettale capasanuro (colui che realizzava i capasoni) iniziò a essere contrapposto in maniera quasi offensiva a quello di Faenzaro (colui che faceva maioliche in stile faentino). Quando mi è stato chiesto di tenere un workshop al Museo Carlo Zauli di Faenza ho pensato seriamente di rifiutare. Non perché non mi interessasse, ma perché non mi ritengo un Maestro della ceramica. Non mi sento un Faenzaro (non so decorare) e nemmeno un capasonaro (non riesco a lavorare bene al tornio). Eppure la mia produzione è considerata una delle più belle realtà pop italiane…. e questa cosa mi piace un sacco. Perché mi sono preso una rivincita soprattutto nei confronti di materiali come la plastica e la latta. Ed è per questo che ho deciso di accettare la richiesta del workshop. Perché se al mio seguito nessun partecipante diventerà mai un faenzaro o capasonaro, insieme a me proverà a spostare l’attenzione sull’inutile. All’interno del museo ci faremo ispirare non da pezzi d’arte, ma da pezzi “inutili” ma ricchi di storia. Li riprodurremo in ceramica e vedremo che ne esce…….”

La sera di lunedi 16 il laboratorio apre al pubblico, per mostrare i lavori realizzati nei tre giorni, oltre ad una selezione di opere di Giorgio Di Palma, che nell’occasione presenteà anche il suo ultimo libro “29 Giorni – Fuping”, diario che documenta attraverso immagini, testi e disegni la sua residenza artistica nel Ceramic Art Village di Fuping, in Cina.

14.15.16 settembre > workshop

16 settembre h 21 > evento finale e presentazione libro “29 Giorni – Fuping”

Faenza, Museo di Carlo Zauli, Via della Croce, 6. Info e Orari: www.museozauli.it

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.